ANCONA – La Regione Marche e le quattro Province marchigiane convengono sulla necessità di riformare la legge 47/97 per promuovere, assieme al Coni, un rilancio dello sport nelle Marche.
Questa iniziativa è stata concordata dall’assessore regionale allo Sport, Gianluca Carrabs, e gli assessori delle quattro amministrazioni provinciali marchigiane, che si sono incontrati per valutare gli interventi idonei a sostenere l’attività sportiva nelle Marche.
Le Province hanno anche indicato, come prioritario, l’adeguamento antinfortunistico degli impianti non a norma, “per i quali – hanno detto – i sindaci si assumono responsabilità dirette, pur di mantenerli aperti?. Hanno sollecitato anche sostegni per le manutenzioni, l’abbattimento delle barriere architettoniche e per la realizzazione di strutture sportive nei piccoli comuni. È stata ribadita, da parte delle Province, “l’inderogabilità di finanziamenti regionali? che rispecchino, nei criteri di assegnazione, “l’esigenza di tutto il territorio?. Si sono comunque assunte l’impegno di realizzare un Piano provinciale dell’offerta sportiva e un Osservatorio per gli impianti.
In attesa della definizione di una proposta di legge, l’assessore Carrabs intende fornire alcune risposte già a partire dal bilancio di previsione. La strada indicata è quella di convenzioni con il Credito sportivo per finanziare l’adeguamento o la realizzazione degli impianti “attraverso la compartecipazione della Regione e delle Province sugli interessi?. O anche, compatibilmente con le disponibilità di bilancio, con sostegni a fondo perduto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 158 volte, 1 oggi)