SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sfida verità. Lungi da noi voler caricare oltremodo di attese questo Samb-Fermana, ma domani pomeriggio, inutile negarlo, i punti in palio al Riviera peseranno come macigni. Si specchiano due ambienti tesi all’inverosimile e, non poteva essere altrimenti, ancora di più, se possibile, in casa rossoblù; l’ambiente sambenedettese, attraversato da mille veleni, pare un vulcano in prossimità di eruttare e meno male che ieri pomeriggio è arrivata la prima nota positiva – leggi il proscioglimento della Samb e del presidente Mastellarini dall’accusa di falso in bilancio – dopo una settimana assai travagliata.
Il verdetto della Commissione Disciplinare in ogni caso non pare sufficiente a placare il nervosismo e l’impazienza di una tifoseria che sino ad ora si è sempre comportata in maniera egregia; domani serviranno i tre punti onde riscattare l’onta del vergognoso tracollo in quel di Ravenna, occorrerà anche una prestazione di spessore, almeno dal punto di vista del carattere e della grinta, qualità smarrite in Romagna.
L’atteggiamento di gran parte della tifoseria, ovvero la curva Nord, sarà al solito all’insegna del sostegno convinto, ma temiamo, come sottolineato nei giorni scorsi, che le scalee del Riviera, complici i famigerati tagliandi nominativi, presentino più di qualche vuoto, poco aiutate peraltro dalla passione, vicina allo zero, dei fermani, indispettiti pure dal pessimo andamento della compagine canarina, desolatamente fanalino di coda del girone con un solo punto all’attivo .
Venendo a questione meramente tecniche, sia Galderisi che Sciannimanico devono fare fronte a svariati problemi di formazione, con due giocatori per parte squalificati – Macaluso e Martini per la Samb, Barucca e capitan Smerilli per la Fermana – oltre a qualche defezione. In casa rossoblù staranno fuori gli infortunati Colonnello, Cornali e Rosati, messo fuori uso dalla solita caviglia, mentre ritorna disponibile Michele Santoni, ripresosi dal problema ai flessori, come pure comparirà tra i convocati, dopo diversi mesi di assenza (dal Samb-Napoli di campionato della scorsa stagione), Gianluca Zanetti, il quale potrebbe anche essere portato in panchina. Sulla sponda canarina segnaliamo invece il quasi certo forfait di Quadrini, mentre dovrebbe farcela l’acciaccato Bagnara.
I due tecnici, complici le svariate assenze, si porteranno dietro dubbi pesanti sino a domani mattina. In casa Samb l’unico settore certo di una determinata impostazione è la difesa, nella quale farà il suo rientro Gazzola, fuori dopo la sconfitta interna contro lo Spezia (in ogni caso nelle prime giornate l’ex Parma era stato impiegato a centrocampo), mentre in avanti, out il bomber di Gradara, Galderisi potrebbe puntare sul tridente. Due le soluzioni a disposizione: fermo restando che Scandurra agirà da boa – stamane l’ex Lodigiani è rimasto però precauzionalmente a riposo per le solite noie muscolari – il numero 9 rivierasco potrebbe essere appoggiato sugli esterni da Perrulli e Yantorno; altra possibilità con De Lucia posizionato sulla destra e Perrulli sul lato opposto.
Dubbi permangono pure per la composizione della linea mediana, che in ogni caso dovrebbe schierarsi con tre uomini; molto dipenderà dall’eventuale presenza di Davide Tedoldi – l’esperto centrocampista ha ripreso ieri dopo la botta alla tibia, ma permangono perplessità sul suo utilizzo, anche se la sua esperienza potrebbe rivelarsi utile in un contesto come quello che si presenterà domani pomeriggio al Riviera delle Palme. Mister Galderisi, dovesse dargli fiducia, gli piazzerebbe ai lati, come è successo a Ravenna, Paolucci e Faieta, ma non è escluso che il tecnico rossoblù lasci fuori l’ex Cesena e ridia fiducia a De Rosa, assente, con polemiche annesse, al Benelli.
Esperimenti anche per Arcangelo Sciannimanico – il tecnico di Modugno tornerà a San Benedetto dopo aver indossato la casacca rossoblù nella stagione cadetta 1978’-79, collezionando 21 presenze, impreziosite da due marcature – che in difesa, al posto di Quadrini – il difensore potrebbe al limite essere portato in panchina, nonostante lo stiramento cui è stato vittima appaia meno grave del previsto – opterà per Niccolini, mentre a centrocampo Smerilli e Barucca verranno sostituiti da Croceri e Formichetti. Ce la fanno, in avanti, gli acciaccati Bagnara e Pirro; spazio al primo nell’undici titolare al fianco di Staffolani.
In porta, nonostante il macroscopico errore cui è incorso l’ex Fiorentina domenica scorsa, contro il Teramo, dovremmo rivedere il giovane Scotti, il quale in settimana ha avuto un colloquio chiarificatore con mister Sciannimanico.
In ultimo segnaliamo che la Samb nel tardo pomeriggio si ritroverà all’Hotel Sporting per il consueto ritiro prepartita.
Le probabili formazioni di Samb e Fermana.
SAMB (4-3-3): Di Dio, Gazzola, De Pascale, Paolucci, Femiano, Guastalvino, Perrulli, Tedoldi, Scandurra, De Lucia, Faieta. A disposizione: Guardato, Irace, Michele Santoni, Zanetti, De Rosa, Mattia Santoni, Chiurato. Allenatore: Giuseppe Galderisi.
FERMANA (4-4-2): Scotti, Niccolini, Masi, La Rocca, Acciai, Francioso, Onesti, Croceri, Bagnara, Staffolani, Formichetti. A disposizione: Iaboni, Del Moro, Quadrini, Rodia, Cianni, Croce, Pirro. Allenatore: Arcangelo Sciannimanico.
Arbitro: Gennaro Palazzino di Ciampino.
Assistenti: Pierpaolo Perri di Cosenza e Sergio De Santis di Roma 2.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 583 volte, 1 oggi)