ACQUAVIVA PICENA – Banca Picena Trentina sempre più in alto. I dati semestrali comunicati dal Consiglio di Amministrazione mostrano chiari segni di salute per l’istituto bancario: il buon andamento della gestione è infatti sottolineato dal risultato di fine periodo che mostra un utile alla fine del mese di giugno di quest’anno pari a euro 1.986.710, con un aumento del 19,68% rispetto al primo semestre dello scorso anno che, in valori assoluti, corrisponde a 327.000 euro. Il risultato di gestione conseguito alla fine del primo semestre dalla Banca Picena Truentina lascia dunque presupporre il pieno rispetto degli obiettivi del piano strategico.
La raccolta complessiva presenta una dinamica positiva con un saldo pari a 28,6 milioni di euro. L’ammontare dei depositi da parte della clientela, alla fine del primo semestre del 2005, era pari a 354,5 milioni di euro contro i quasi 326 milioni di euro del primo semestre del 2004. L’incremento registrato per la raccolta evidenzia come la Banca sia sempre più un valido partner per le piccole e medie imprese e le famiglie. Nel contempo la banca ha dato valida dimostrazione di voler costantemente supportare lo sviluppo del sistema economico del proprio territorio di riferimento.
Tale comportamento è testimoniato anche dall’incremento degli impieghi, ovvero i prestiti erogati alla clientela. Tale voce di bilancio, al 30 giugno di quest’anno, ammontava a 286,5 milioni di euro con un incremento, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, di 36,8 milioni di euro. Il trend di crescita degli impieghi assume particolare rilevanza nell’attuale momento congiunturale caratterizzato dal perdurare da un tono negativo. La crisi economica, infatti, interessa ancora diversi comparti.
L’atteggiamento assunto dalla banca si sta rivelando particolarmente efficace in quanto consente alle aziende di disporre delle adeguate risorse finanziarie per far fronte alla crisi. L’aumento di tale voce è imputabile, inoltre, anche alla richiesta di mutui avanzata in particolar modo dalle famiglie per l’acquisto di case. Per quanto riguarda il totale del patrimonio dell’istituto di credito, è stato registrato un incremento pari a oltre 3 milioni di euro. Infatti il patrimonio della banca alla fine del mese di giugno era pari a oltre 37 milioni di euro contro i 34 dello stesso periodo dello scorso anno.
I buoni risultati conseguitti nei primi mesi di quest’anno evidenziano le considerevoli potenzialità della Banca Picena Truentina di accrescere le proprie quote di mercato – ha detto il presidente della Banca Picena Truentina Gino Gasparrettie di mantenere l’elevata redditività tenendo in considerazione la sempre maggiore attenzione alla rischiosità, sia in fase di erogazione del finanziamento sia nella gestione del rapporto anche con riferimento ai segnali recessivi dell’attuale situazione economica e in considerazione della nuova normativa di Basilea2 nei prossimi mesi terremo in particolare considerazione l’obiettivo di incrementare la penetrazione commerciale e la fidelizzazione della clientela?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 487 volte, 1 oggi)