SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Domenica prossima, in occasione del derby tra Samb e Fermana, avendo il sodalizio di Viale dello Sport messo a punto i sistemi di prevendita, anche al Riviera delle Palme gli spettatori presenti saranno rigorosamente muniti di biglietti nominali. Al via dunque – dopo qualche settimana di ritardo (più che comprensibile); ricorderete la multa cui è andata incontro la società rossoblù per non avervi ottemperato alla vigilia della partita contro lo Spezia dell’11 settembre – anche nella nostra città la rivoluzione pensata in estate dai ministri Pisanu, Stanca e Buttiglione.
Entrato in vigore il nuovo decreto antiviolenza (meglio conosciuto come Decreto Pisanu; rammentiamo che è valido “per stadi con capienza superiore a 10mila, 4mila se al chiuso?), l’Italia del pallone sta facendo i conti con un calo vistoso di spettatori e con numerose polemiche messe in atto dalla frange ultras della penisola – chi l’altro ieri sera era a Ravenna avrà avuto un’ulteriore conferma dallo sciopero messo in atto dalla curva Mero.
Facile prevedere pure in casa Samb, oltre ai disagi, una decisa flessione in termini numerici – non aiuta tra l’altro nemmeno il brutto momento che sta vivendo la formazione di Galderisi.
Nel dettaglio, allo scopo di meglio comprendere le novità introdotte dal citato Decreto Pisanu, alcune domanda-risposta che vertono sull’adozione dei “biglietti elettronici?, ovvero tagliandi “nominativi, numerati ed abbinati al posto a sedere, con stampate le generalità dell’acquirente, che dovranno essere controllati agli ingressi degli stadi?.
Quali dati anagrafici servono?
I dati richiesti sono: nome, cognome, luogo e data di nascita, numero e tipo di un documento d’identità valido. Ai punti di vendita (Samb Point, Bar Astoria e i botteghini del Riviera, ndr), si deve esibire un proprio documento.
Quali i documenti di identità che si possono utilizzare?
Carta d’identità, patente, passaporto, nonché codice fiscale e carta nazionale dei servizi.
Va presentato un documento d’identità allo stadio?
Tutti gli spettatori dovranno recarsi allo stadio con il proprio documento di identità in corso di validità.
Quanti biglietti si possono acquistare?
E’ possibile acquistare un massimo di 10 biglietti, fornendo i dati di ogni utilizzatore. Ogni biglietto sarà nominativo, non si può intestare a se stessi più di un biglietto per la stessa partita.
Se si compra un biglietto e poi non si può andare allo stadio, è possibile cederlo?
Si, purché prima che la nuova persona si rechi allo stadio venga effettuato il cambio di nominativo presso il punto vendita. L’operazione non comporta la sostituzione del biglietto ma solo la registrazione sui sistemi di questo cambiamento.
Chi va allo stadio con un biglietto intestato ad altra persona cosa rischia?
L’accesso vietato e una multa.
Come viene tutelata la riservatezza?
I dati raccolti, se non richiesti dall’autorità competente, sono distrutti automaticamente dopo sette giorni dalla partita.
Fino a quando è possibile acquistare biglietti?
L’articolo 5 del Decreto Pisanu stabilisce che “dalle 19 del giorno precedente lo svolgimento degli incontri è vietata la vendita dei biglietti al settore ospiti e, in ogni caso, nel giorno di svolgimento di qualsiasi competizione calcistica è vietata la vendita diretta dei biglietti nell’area di servizio esterna dello stadio?.
Tradotto: la domenica i botteghini del Riviera delle Palme resteranno rigorosamente chiusi, con buona pace dei ritardatari. Ci viene il dubbio: forse che stanno uccidendo il calcio? Siamo, ahinoi, sulla buona strada.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 688 volte, 1 oggi)