SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Basta voci fuori dal coro. Andrea Manfroni e Valeria Senesi, rispettivamente segretario comunale e provinciale della Margherita, lanciano un duro monito agli esponenti del partito che, attraverso ripetute esternazioni a mezzo stampa, rischiano di metterne a repentaglio l’unità e la credibilità.
“Sui quotidiani locali – afferma Manfroni – si stanno ripetendo in questi giorni frequenti fuoriuscite di pseudo-personaggi iscritti alla Margherita che si spacciano per portavoce del nostro partito, rilasciando dichiarazioni sulle candidature in vista delle prossime elezioni che non trovano alcun riscontro nelle decisioni prese fino ad oggi dal direttivo. Mi riferisco, in particolare, al signor Francesco Rossi, che rilascia dichiarazioni a nome del partito. Chi è costui e quale forza politica rappresenta in realtà? E dov’era nel periodo di campagna elettorale per Massimo Rossi e Sandro Donati? Leggendo le sue affermazioni sembra strano che sia vicino alla Margherita. Stesso discorso vale per Pierluigi Addarii, che ufficialmente non ha dato la sua disponibilità a partecipare alla campagna delle primarie per Prodi?.
“Torno a ripetere – precisa Manfroni – che sono io, in qualità di segretario locale della Margherita, a rappresentare la voce ufficiale del partito”.
Stop anche alle indiscrezioni sui nomi di possibili candidati alla poltrona di sindaco: “Come già segnalato nella nota diffusa ieri, stiamo cercando una figura valida e credibile da portare sul tavolo delle trattative con l’Unione ma al momento nessuna decisione è stata presa. Il nostro candidato, sia chiaro, non sarà in contrapposizione con quelli designati da altri partiti del centrosinistra?.
Sulle primarie Manfroni ostenta una certa freddezza: “E’ una via che si è scelto di seguire, certo non è l’unica da percorrere per l’individuazione del candidato della coalizione. Noi riteniamo sia utile soprattutto un confronto e una sintesi tra le figure scelte dalle forze dell’Unione. Il nostro candidato correrà per le primarie? Non è detto”.
Il segretario provinciale Valeria Senesi rincara la dose contro il proliferare di portavoce del partito, con un chiaro riferimento all’on. Ruggieri, indicato come uno dei possibili candidati-sindaco della Margherita: “Le dichiarazioni rilasciate da onorevoli, presidenti di circolo e semplici iscritti al partito devono essere considerate come esternazioni personali. Inoltre, voglio precisare che, contrariamente a quanto scritto su alcuni quotidiani locali, fino ad oggi non abbiamo partecipato a nessun incontro o trattativa”.
La responsabile provinciale della Margherita non risparmia un polemico affondo all’indirizzo del presidente della provincia, Massimo Rossi, in relazione al tema scottante della viabilità picena: “Il presidente non si è mai mostrato favorevole all’idea della realizzazione della terza corsia fino a Pedaso e, a conferma di ciò, è notizia di oggi che l’Anas sembra decisa a realizzare la terza corsia fino a Porto Sant’Elpidio. Se ciò avvenisse, il nostro territorio sarebbe fortemente penalizzato. Su questa tema combatteremo una battaglia durissima, chiediamo risposte immediate all’Amministrazione provinciale?. Valeria Senesi lamenta la scarsa considerazione dei partiti da parte di Rossi: ?Sulle strategie politiche da adottare per lo sviluppo del Piceno il presidente fino ad oggi non ha ritenuto prioritario confrontarsi con le forze che sono risultate decisive per la sue elezione, preferendo litimarsi a parlare di una stucchevole democrazia partecipata. Da domani auspichiamo un cambiamento di rotta?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 679 volte, 1 oggi)