*Esprimiamo sincera gratitudine al Commissario Dott. Iappelli, oltre che per l’amore sincero che ha espresso per la nostra San Benedetto, anche per aver garantito una immediata disponibilità ed operatività. Con l’approvazione della “destinazione dell’avanzo” il Commissario ha definitivamente scongiurato qualsiasi compromissione dei servizi erogati da parte del Comune che potevano essere “a rischio” a seguito delle dimissioni definitive dell’ex sindaco.
Il passaggio del timone al Commissario Straordinario è avvenuto, fortunatamente per la città, senza i temuti sconquassi annunciati dalle varie “Cassandre” che invocavano la nomina del Commissario Prefettizio.
Con la “destinazione dell’avanzo” peraltro si finanziano anche opere importanti per la città come la realizzazione della Piazza S. Filippo Neri, la riqualificazione dell’area del mercato di via Montebello, la sistemazione delle fogne acque bianche di Via Voltattorni e diverse altre manutenzioni straordinarie.
Su tale questione la posizione unitaria ed ufficiale dell’intera Casa delle Libertà e delle altre forze della ex-maggioranza è riportata chiaramente nel documento ufficiale presentato all’ex-sindaco il 29/08/2005 che di seguito si riporta per stralcio integrale: “La presentazione del rendiconto di bilancio, cui dovrà seguire l’illustrazione ai gruppi consiliari delle modalità con le quali si intenderà procedere all’applicazione dell’avanzo di amministrazione. Si chiede sin da ora che lo stanziamento di risorse per il ripianamento delle passività del Consorzio Turistico sia accompagnato dalla presentazione di una relazione a cura del legale rappresentante dell’ente circa l’origine della situazione debitoria e successivi programmi dell’ente vincolati agli indirizzi del consorziato.”
Su una delibera di destinazione dell’avanzo di poco meno di 2.000.000,00 di euro le uniche riserve erano relative al “Contributo Straordinario Consorzio Turistico Riviera delle Palme” di euro 178.200,00 e all’incremento della quota associativa annuale dello stesso Consorzio Turistico per euro 21.163,49 annui.
L’approvazione di tali punti da parte della ex-maggioranza era semplicemente subordinata alla presentazione di una relazione circa l’origine della situazione debitoria del Consorzio in modo che fosse chiaro alla città che buona parte di tali debiti era sorta e costituisce eredità dell’amministrazione Perazzoli; ed era subordinata al ripristino di un normale e legittimo rapporto tra Consorzio e consorziato (Comune di San Benedetto).
Lo scopo dei Consorzi e delle Società Consortili è infatti quello di fornire beni e servizi ai consorziati. In tutti i consorzi i servizi da fornire vengono commissionati e scelti dai consorziati ad un prezzo prestabilito o almeno di massima. Solo nel Consorzio Turistico Riviera delle Palme i servizi vengono scelti, sia qualitativamente che quantitativamente dal Consorzio e vengono forniti ad un prezzo preventivamente indeterminato ed a sorpresa, tant’è vero che oggi copriamo anche e soprattutto passività sorte durante l’amministrazione Perazzoli.
Tale procedura, a noi di AN, non sembra né trasparente né legittima.
Non ci addentriamo in ulteriori approfondimenti tecnici che saremo ben lieti di esporre al Commissario, certi che, nella sua qualità di Funzionario di Governo, una volta messo al corrente della questione, potrà approfondirla e valutarla con serenità e nel caso dovessero emergere anomalie potrà adottare i provvedimenti che riterrà più opportuni.
*Circolo An San Benedetto e Porto d’Ascoli

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 467 volte, 1 oggi)