GROTTAMMARE – Il Cineforum Buster Keaton di San Benedetto del Tronto e il Cineforum Blow Up di Grottammare, entrambi aderenti alla Federazione Italiana Cineforum, hanno deciso di proporre, con una straordinaria collaborazione, un’evento eccezionale sia per la quelità che per le dimensioni. Per la stagione 2005/06 sarà proposto tutto Heimat, ovvero i tre capolavori del regista tedesco Edgar Reitz: “Heimat”, “Die Zweite Heimat” (Heimat 2) e “Heimat 3”.
L’evento è realizzato con il patrocinio della Regione Marche – Assessorato alla Cultura, della Provincia di Ascoli Piceno – Assessorato alla Cultura, del Comune di Grottammare – Assessorato alla Cultura, del Comune di San Benedetto del Tronto – Assessorato alla Cultura:
L’intera rprogrammazione del Cineforum Blow Up, che proietta presso la sala Kursaal, da Settembre sino a Marzo sarà interamente dedicata alla proiezione di Heimat e Die Zweite Heimat, mentre tra Mmarzo ed Aprile il Cineforum Buster Keaton proporrà “Heimat 3”.
La straordinaria programmazione permetterà a tutti gli appassionati del grande cinema di scoprire o riscoprire nella loro interezza le tre straordinarie opere che Edgar Reitz ha realizzato seguendo le vicissitudini della famiglia Simon, e che si snodano lungo la storia della Germani e dell’Europa dal 1919 al 2000.
HEIMAT di Edgar Reitz (Germania, 1984) – durata: 15 ore e 40 minuti
(Sala Kursaal – Grottammare – ore 21.30)
martedì 27 settembre
SERATA D’APERTURA: INGRESSO CON TESSERA F.I.C.
1. Nostalgia di terre lontane – 1919/1928 [119’]
Al suo ritorno dalla prigionia nel 1919, Paul Simon costruisce, nella soffitta della casa paterna, la prima radio di Schabbach. Poi si sposa con Maria Wiegand, la figlia del borgomastro, dalla quale ha due figli: Anton ed Ernst. In un caldo giorno d’estate, Simon esce di casa: alla moglie dice di voler andare a bere una birra. Di fronte alla mescita decide diversamente: prosegue oltre fino all’America.
martedì 4 ottobre
2. Il centro del mondo – 1929/1933 [89’]
Rimasta sola, Maria alleva i figli. Suo fratello Eduard, recatosi a Berlino per curare i polmoni, incontra in un locale malfamato Lucie e la sposa. Insieme tornano a Schabbach, dove – come lei noterà – tutto è ancora intatto. Anche le celebrazioni per l’ascesa di Hitler al potere non sembrano ledere l’innocenza del posto. Solo Katharina, la vecchia madre di Paul, capisce la situazione: “Si deve aver anche paura di andare a dormire”.
martedì 11 ottobre
3. Natale come mai fino allora – 1935 [57’]
Eduard, nel Partito Nazionalsocialista già dai tempi di Berlino, diventa borgomastro. Le ambizioni di Lucie sono soddisfatte dalla costruzione di una grande villa, ma la donna vorrebbe che il marito facesse carriera a Berlino. Quando Wielfried Wiegand, il fratello di Maria, ufficiale delle SS, racconta di un viaggio che prominenti capi nazisti intendono compiere nella regione, lei perde quasi la testa pensando di ospitarli.
venerdì 14 ottobre
4. Via delle alture del Reich – 1938 [58’]
Nel ’38 arrivano 6.000 uomini per costruire una via militare tra Coblenza e Treviri. Tra questi l’ingegnere Otto Wohlleben. Maria ha adesso 38 anni: “Io il coraggio ce l’avrei e comincerei di nuovo daccapo”. Ad una serata di ballo nella sala del villaggio, Otto e Maria si confessano il loro reciproco amore.
5. Scappato via e ritornato – 1938/1939 [57’]
In autunno giunge una lettera di Paul Simon dall’America: ha fatto fortuna e a Detroit possiede addirittura una fabbrica. La lettera provoca più sgomento che gioia. La felicità di Maria è ancora una volta sconvolta, anche perché Otto deve ripartire. Il 1° settembre ’39 Hitler dichiara guerra alla Polonia.
venerdì 21 ottobre
6. Fronte interno – 1943 [57’]
Tutti gli uomini sono al fronte, tranne i malati e Wielfried, dirigente della locale sezione del partito. Martha, la ragazza di Anton, giunge a Schabbach in avanzato stato di gravidanza. Maria accoglie la ragazza e le mostra anche Hermann, il figlio di 4 anni avuto da Otto. Il matrimonio tra Martha e Anton avviene per procura. Ernst, che è aviatore, getta sul villaggio un mazzo di 50 garofani destinati alla sposa e Lucie prolunga il ricevimento nuziale con un concerto nella sua villa.
7. L’amore dei soldati – 1944 [58’]
Incaricato di un’azione di disinnesco, Otto predispone il viaggio in modo da poter pernottare a Schabbach. Nella notte, stormi d’aerei sorvolano la regione. Stretti uno all’altro Otto e Maria ripensano ai tempi felici. Arriva il giorno e con esso anche l’ora dell’addio. Otto morirà disinnescando la bomba. Di lì a poco tempo finisce la guerra: gli americani requisiscono la villa di Lucie.
venerdì 28 ottobre
8. L’americano – 1945/1947 [102’]
La gente si abitua in breve tempo alle forze d’occupazione. Nell’estate del ’46, arriva in paese una limousine, da cui scende un uomo in cappotto di cammello. Chiama i Simon; vista la porta chiusa si reca nella cucina e dà un colpo di martello sull’incudine così che tutto il villaggio ne riecheggia. Katharina, che era al cimitero sulla tomba del marito, capisce all’istante che Paul è tornato. Nella cucina della casa dei Simon, gremita di gente, Maria e Paul passano tutto il tempo a guardarsi. Ma le cose non saranno più come prima. Torna Anton dalla Russia, Paul riparte. La successiva morte di Katharina è la fine di un’epoca.
venerdì 4 novembre
9. Hermännchen [138’]
I tempi nuovi mutano la vita dei tedeschi più di quanto non abbia potuto la guerra. Il mondo è suddiviso secondo nuove regole e anche i Simon se ne assicurano una parte. Anton è proprietario di una piccola azienda di strumenti ottici, Ernst commercia in legnami con i soldi fatti alla borsa nera. Il terzo figlio, Hermann, studia: scrive poesie, legge i filosofi, ha amici intellettuali. Cominciano anche per lui i turbamenti del sesso: la sua prima esperienza d’amore sarà con Klärchen. I parenti sono tutti contrari e allontanano la ragazza che intanto è rimasta incinta. Per rivederla, Hermann percorre in bicicletta più di 250 km. L’ostilità dei suoi lo porta ad abbandonare la famiglia e il suo villaggio.
venerdì 11 novembre
10. Gli anni ruggenti – 1967/1969 [82’]
La fabbrica di Anton si è ingrandita in modo tale da far gola a un consorzio, che avanza un offerta di 60 milioni. Anton chiede consiglio al padre Paul che ora vive a Baden-Baden; là incontra anche Hermann, diventato un giovane compositore. Malgrado il parere contrario del padre Anton decide di non vendere. Il concerto di Hermann, trasmesso alla radio, lascia perplessi un po’ tutti per la modernità.
venerdì 18 novembre
11. La festa dei vivi e dei morti – 1982 [94’]
Muore Maria. Dopo anni di assenza da Schabbach, tornano per il funerale Hermann e Paul. Tutti i membri della famiglia sono riuniti in casa Simon. Nella notte viene trovato cadavere anche il vecchio Glasisch. I morti guardano i vivi festeggiare l’annuale sagra del villaggio.
HEIMAT 2 (DIE ZWEITE HEIMAT) di Edgar Reitz (Germania, 1992) – durata: 25 ore e 32 minuti
(Sala Kursaal – Grottammare – ore 21.30)
venerdì 25 novembre
1. L’epoca delle prime canzoni – Hermann – 1960 [120’]
Hermann soffre per il suo amore perduto e giura a se stesso di non amare mai più. Fa gli esami di maturità e decide di lasciare Schabbach. “Era come se fossi rinato, non da mia madre ma dalla mia testa”. Va a cercare la sua seconda patria, a Monaco. Viene ammesso al conservatorio. Conosce Renate, poi Juan, straniero geniale e poliglotta. Incontra Ansgar, Reinhard, Rob, Stefan, Olga. Invidia Volker e Jean-Marie, inarrivabili studenti degli anni superiori. Vede Clarissa per la prima volta. Intanto si agitano avanguardie cinematografiche (“Il cinema di papà è morto”) e musicali (“La musica è morta, viva la musica”).
venerdì 2 dicembre
2. Due occhi da straniero – Juan – 1960/61 [115’]
Juan non viene ammesso al conservatorio. Accompagna Clarissa al paese natale e ne conosce la madre, le origini e la paura dell’amore. “Dimentichiamo l’amore” dice lei, e si baciano. Hermann si trova a passare durante il ritrovamento di un ordigno bellico, poi va a lavorare con Ansgar in un magazzino di vecchie pellicole. Prime riunioni di amici/artisti alla “Tana della volpe”. Hermann fa sesso con Renate e scappa subito dopo. Ha la febbre e delira contro l’amore. Prendono corpo la sua amicizia con Juan e il suo amore per Clarissa. Tutti e tre ritrovano il corpo di un vecchio barbone morto assiderato. Tutti e tre si abbracciano.
venerdì 9 dicembre
3. Gelosia e orgoglio – Evelyne – 1961 [116’]
Evelyne arriva a Monaco per cercare le sue vere radici e approda alla “Tana della volpe” (che è poi la villa di sua zia Elisabeth Cerphal). Stefan, Reinhard e Rob proiettano l” un loro cortometraggio sulle rovine della guerra. Memoria, eredità pesantissima del nazismo, sospetti. Hermann e Juan si beccano per gelosia. Clarissa e Hermann si inseguono e si fuggono. Evelyne conosce Ansgar, s’innamorano e insieme ritrovano le tracce della madre di lei. Olga, aspirante attrice, soffre per Ansgar. Helga, che scrive poesie, è innamorata di Hermann.
venerdì 16 dicembre
4. La morte di Ansgar – Ansgar – 1961/62 [100’]
Evelyne e Ansgar sono sempre insieme, “Qualcosa di solido in un mondo d’amore e di paura”. Clarissa riceve un nuovo violoncello e ha successo con un motivo di Hermann. Il loro gioco è più assurdo e pesante. Evelyne conosce i genitori di Ansgar, che lui rifiuta; è cinico, iconoclasta, autolesionista. Evelyne ammutolisce una festa con la notizia del suo incidente. Il dolore suo e quello della madre di Ansgar sono incompatibili. Hermann e Juan vanno al cimitero, la cinepresa li guarda allontanarsi, poi sale lungo la schiena di un Cristo, su fino agli alberi, e oltre, a scoprire la città.
venerdì 23 dicembre
5. Il gioco con la libertà – Helga – 1962 [119’]
Helga girovaga per Monaco immersa nelle sue sensazioni e si imbatte in tafferugli tra giovani e polizia. Anche Hermann ne viene coinvolto e gli fracassano la chitarra. Entrambi, sconvolti, si rifugiano alla “Tana”. Si ritroveranno a Dulmen, accogliente, sonnolenta provincia natale di Helga, dove Hermann, lasciata Monaco per l’estate, si trova a passare. Dalla TV ancora notizie sugli scontri. Spaventato dall’amore di Helga, Hermann si lascia sedurre dalla sua amica Marianne.
venerdì 13 gennaio
6. Noi, figli di Kennedy – Alex – 1963 [108’]
Alex, il più anziano del gruppo, filosofo e chiacchierone, ha fame e va in cerca di qualcuno che gli presti dei soldi. Clarissa va ad abortire un figlio che potrebbe essere di Volker o di Jean-Marie, e intanto arriva a Monaco Schnüsschen, amica e conterranea di Hermann. Nessuno degli amici aiuta Alex ma lui ha un colpo di fortuna. E’ il giorno della morte di JFK. Helga viene salvata da un tentativo di suicidio e quasi tutti si ritrovano alla “Tana”. “Il mondo – pensa Alex – è la totalità dei fatti”.
venerdì 20 gennaio
7. I lupi di Natale – Clarissa – 1963 [110’]
Hermann tiene un concerto “per violoncello assente”. Clarissa è ricoverata e passa momenti terribili. Dopo il concerto Hermann e Schnüsschen rimangono da soli. “E’ come essere a casa”. Hermann si sente attratto da lei e abbandonato da tutti. Helga e Stefan si torturano a vicenda. Volker va a trovare Clarissa e poi a Strasburgo, da Jean-Marie, per Natale. Clarissa è tormentata dalla madre e fugge dall’ospedale. Trova Hermann alla “Tana” da solo. Sono loro “i lupi”, che si amano e non sanno appartenersi.
venerdì 27 gennaio
8. Il matrimonio – Schnüsschen – 1964 [120’]
Schnüsschen, trascorse le feste in mezzo all’amata confusione dei parenti, torna a Monaco. E’ diversa da tutti, solare, innamorata. Hermann e Clarissa si sognano l’un l’altro in un momento estremo di desiderio e visionarietà. Hermann si adagia pian piano sull’amore di Schnüsschen, affittano una casa, si sposano. La festa di matrimonio è una girandola collettiva di gioia e di dolori. Clarissa arriva alla fine, e maschera malamente il suo dolore. Volker la corteggia. Juan tenta il suicidio e Reinhard lo salva. La cinepresa si leva nuovamente in alto, nel finale, su un gruppo di amici lacerato e attonito.
venerdì 3 febbraio
9. L’eterna figlia – La signorina Cerphal – 1965 [118’]
Le cose sono cambiate. Solo Juan, che fa mosaici e origami, vive ancora alla “Tana”. La signorina Cerphal è costretta dall’agonia del padre a fare i conti col proprio passato. Ennesimi fantasmi del nazismo. Helga aspetta un bambino. Hermann e Schnüsschen hanno una figlia e cercano di essere felici. Lui si diploma al conservatorio. Clarissa torna da una serie di concerti e si lega maggiormente a Volker. Helga, Alex e molti altri fanno irruzione nella “Tana” e vi tengono una riunione politica interrotta dalla notizia della morte del signor Cerphal. La signorina Cerphal vende la casa.
venerdì 10 febbraio
10. La fine del futuro – Reinhard – 1966 [132’]
Reinhard ritorna dopo un viaggio di un anno per un film. La “Tana” è stata abbattuta. Prova con Rob a riprendere le macerie. Non-filmabilità, “questo maledetto occhio di vetro sa solo fissare le cose, senza speranza, senza compassione”. Hermann compone un requiem per la “Tana della volpe” e poi litiga con tutti. Sfaldamento delle amicizie, “gioco di solitudine”, fine del futuro. Reinhard va a Venezia, conosce Esther, se ne innamora e scrive una sceneggiatura sulla sua vita. Tornato in Germania, annega nel lago davanti a casa di Rob. Hermann, Schnüsschen, Volker, Clarissa e rispettivi figli erano là per una gita.
venerdì 17 febbraio
11. L’epoca del silenzio – Rob – 1967/68 [120’]
Rob incontra Esther che fa fotografie sul lago. Hermann e Schnüsschen vivono di normalizzazione e ristrettezze. Esther va a Dachau, dov’era stata internata la madre, e vorrebbe smettere di fotografare. Hermann e Rob ottengono un ottimo contratto dal console Handschuh per sperimentazioni musicali e cinematografiche. Helga piomba con altri a casa di Hermann per una petizione. “A volte c’è qualcosa di più importante che scrivere poesie”. Hermann ha un’avventura con una collega del laboratorio. Clarissa non suona più. Rob quasi perde la vista all’inaugurazione, frettolosa, di un progetto.
venerdì 24 febbraio
12. L’epoca delle molte parole – Stefan – 1968/69 [121’]
Comincia il film di Stefan dal soggetto di Reinhard. “L’angoscia tedesca”. Il lavoro è subito bloccato da istanza di regia collettiva. Kathrin, amica di Helga, invita Hermann ad andare sul set. Schnüsschen intanto ha sposato il ’68 e si divide tra studi, politica e attività antidroga. Litigano e Hermann raggiunge il set, si unisce a Kathrin e fa le sue brave esperienze alternative. Helga fa scelte più precise e radicali. Clarissa ha in casa un gruppo di musiciste americane sue amiche e sfoga la sua solitudine. La produzione americana rimanda il film e Stefan è contento. Hermann rovista le sue miserie.
venerdì 3 marzo
13. L’arte o la vita – Hermann e Clarissa – 1970 [133’]
Hermann pensa ai dieci anni trascorsi a Monaco, “e tutto ancora da raggiungere”, ha nostalgia di casa, vede gli amici “irreali, abbagliati dalla follia artistica”. Il console, che non ha figli, vorrebbe lasciargli tutto. Apprende che Clarissa è in tournée e parte per incontrarla. Alex, alcolizzato, è probabilmente morto. L’incontro di Hermann con Schnüsschen e Juan è scambio di mute tristezze. Le foto che gli capita di osservare si mescolano ai fatti centrifugando dolorosamente la sua giovinezza. La latitanza di Helga entrata nella “Baader-Meinhof”, il ferimento di Stefan. Raggiunge alla fine Clarissa, l’amore sempre perduto, per una notte lunga e meravigliosa. Poi torna a Schabbach, per imparare ad aspettare.
HEIMAT 3 di Edgar Reitz (Germania, 2004) – durata: 11 ore e 20 minuti
(Cinema Calabresi – San Benedetto del Tronto – ore 21.30)
martedì 7 marzo
1. Il popolo più felice della terra – 1989 [106’]
Hermann Simon e Clarissa Lichtblau si rincontrano a Berlino dopo 17 anni, la storica sera del 9 novembre 1989, durante i festeggiamenti per l’abbattimento del Muro. Hermann è diventato un affermato direttore d’orchestra, Clarissa una cantante lirica. I due, cominciata una nuova relazione, decidono di andare a vivere insieme e di far ristrutturare, a tale scopo, una vecchia casa di montagna vicino a Schabbach, il paese che Hermann aveva abbandonato tanti anni prima in cerca di una seconda patria (heimat) che non si identificasse con la terra d’origine ma con l’età e l’esperienza dell’adulto. Ad aiutarli in questa nuova impresa alcuni artigiani edili dell’est, Udo, Gunnar, Tobi e Tillmann.
giovedì 9 marzo
2. Campioni del mondo – 1990 [122’]
1990. La casa di Hermann e Clarissa è stata ristrutturata in soli sette mesi e l’evento è festeggiato mentre la televisione rimanda le immagini dei campionati di calcio italiani che vedranno il trionfo tedesco. Ernst, il fratello di Hermann, cerca di convincere invano Tobi ad accompagnarlo nella disgregata Unione Sovietica per cercare opere d’arte in svendita; Gunnar, abbandonato dalla moglie, trova lavoro a Berlino smerciando pezzi di Muro alla Warner Bros; Udo va a Roma con la famiglia a vedere la finale Germania-Argentina.
giovedì 16 marzo
3. Arrivano i Russi – 1992 1993 [122’]
1992. Mentre le basi americane dell’Hunsrück vengono progressivamente abbandonate, Ernst torna dalla Russia dopo due anni di imprigionamento conducendo a Schabbach un gruppo di profughi russi. Galina, una di questi, trova lavoro nella magione di Anton, il fratello maggiore di Hermann, potente industriale. Il figlio di Anton, Hartmut – che sta tentando di avviare una nuova attività, stanco di rimanere all’ombra del padre – se ne innamora. Intanto Lulu, la figlia di Hermann, è venuta a trovare il padre in compagnia di due giovani, Lutz e Roland. Una notte, dopo aver festeggiato la loro laurea, il taxi che conduce a casa i tre giovani ha un incidente frontale con la Porsche di Hartmut in cui Lutz, padre del bimbo che Lulu porta in grembo, perde la vita.
giovedì 23 marzo
4. Stanno tutti bene – 1995 [130’]
1995. La carriera porta Clarissa sempre più lontano da casa e da Hermann. Anton muore all’improvviso e Hartmut prende la guida dell’azienda preannunciando cambiamenti. Al funerale di Anton, Hermann incontra la sua ex moglie Schnüsschen, madre di Lulu, presente anch’ella con il figlio Lukas. Al ritorno dalle esequie Hermann ritrova Clarissa a casa: è disperata, ha interrotto la tournée, una grave malattia la minaccia.
giovedì 30 marzo
5. Gli eredi – 1997 [107’]
1997. Mentre Clarissa è in ospedale per un tumore dal quale riuscirà però a riprendersi, Ernst Simon incontra il figlio di una sua inserviente slava, ex amante, Matko, che ha, come lui, la passione per il volo. Avendo Matko 14 anni, tanti quanti ne sono passati dal legame con la madre, l’uomo spera si tratti di suo figlio. Ernst sogna di aprire un museo a Schabbach per esporre la sua ricca collezione d’arte ma il progetto, portato avanti con Lulu, viene bocciato dalle autorità locali. Sconfortato, l’uomo si schianta con il suo aereo contro una montagna. La sua eredità diviene oggetto di contesa. Matko diviene pedina decisiva, concentrandosi su di lui molti timori in ordine a sue possibili rivendicazioni ereditarie. Ma il ragazzo, addolorato per la morte di Ernst, si suicida nello stesso luogo in cui l’aereo di Ernst si era schiantato.
giovedì 6 aprile
6. Addio a Schabbach – 1999 2000 [112’]
La narrazione epocale di Reitz, iniziata ai primi del secolo, giunge al termine: il musicista Simon, la sua Clarissa e tutti i familiari e gli amici si ritrovano per la fine del millennio a festeggiare. C’è chi è in galera, ci sono i vecchi che soffrono e muoiono, un terremoto sconvolge uomini e cose e neppure la terra natia è più la stessa. Radunando caratteri ed emozioni il burattinaio Reitz fa l’ultimo centro: la scena visionaria del ritorno a Schabbach è straordinaria nella sua dimensione fantastica. Lulu, naufragato il progetto del museo Simon e persa la collezione (inghiottita dalla terra che la custodiva, dopo un terremoto), festeggia il capodanno in compagnia del vecchio amico Roland, malato di AIDS e vicino alla morte. Tornata a casa trova suo figlio al piano alle prese con una sonatina di Mozart.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 714 volte, 1 oggi)