OFFIDA – *Sulla vicenda della Potes di Offida si è fatto a mio avviso troppo rumore rispetto ad un problema prettamente organizzativo.
Quando, la scorsa settimana, sono stato informato della situazione della Potes di Offida, non ho fatto ricorso a ridicoli ed inutili proclami né ho pensato di scomodare addirittura il Presidente della Regione Spacca; mi sono rivolto, per essere informato e discutere le questioni, a chi di dovere: responsabili dei servizi e direzione di zona.
Il responsabile del servizio di emergenza, dott. Elio D’Angelo, mi ha ben illustrato le problematiche relative alla gestione del personale, specialmente quello infermieristico, che se non affrontate in maniera organica rischiano prima o poi di compromettere il normale funzionamento dei servizi ospedalieri.
Una situazione posta all’attenzione dell’Ufficio Personale e della Direzione di Zona che ha trovato una soluzione immediata e che è nell’impegno di tutti affrontare compiutamente affinché non si abbia a verificare che momentanee carenze di personale per congedi, malattie, maternità od altro possano mettere a repentaglio lo svolgimento dei servizi.
Quindi non vi è stata né vi è assolutamente nessuna volontà di smantellamento della Potes di Offida né tanto meno accordi tra Regione e Zona Territoriale 13 per un suo ridimensionamento.
Offida e tutto il comprensorio hanno le loro strutture sanitarie territoriali – Distretto, Potes, Poliambulatori, RSA – che operano con grande efficienza garantendo un servizio di qualità a tutti i cittadini.
Voglio nell’occasione esprimere sincera gratitudine a tutti gli operatori dei vari servizi – personale medico, infermieristico, amministrativo – ed ai loro dirigenti per l’impegno che a tale scopo sempre garantiscono.
* Lucio D’Angelo, sindaco di Offida

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 501 volte, 1 oggi)