*I Verdi di S.Benedetto invitano pubblicamente la Prefettura di Ascoli Piceno, a seguito dell’avvenute dimissioni ufficiali del Sindaco Martinelli, a nominare urgentemente il commissario Prefettizio. Una ritardata nomina del commissario impedirebbe di fatto l’approvazione e del bilancio consultivo e del disavanzo del bilancio causando non pochi disagi all’intera collettività sambenedettese.
Come primo ed eclatante conseguenza, si verificherebbe la mancata riapertura delle mense scolastiche previste per il 3 di ottobre. Come Verdi riteniamo che ciò non debba verificarsi in quanto il disagio arrecato alla collettività sarebbe tanto grave da non poter essere giustificato con eventuali problemi di natura burocratica. Si ricorda che nella passata legislatura dalle dimissioni del Sindaco Perazzoli alla nomina del Commissario Prefettizio passarono solo venti giorni. Da quanto invece oggi stiamo valutando questo termine sarà abbondantemente superato, se nel frattempo non emergerà una volontà di affrontare con determinazione la situazione venutasi a creare presso il Comune di S.Benedetto del Tronto. Questo pertanto è il senso di questa sollecitazione pubblica che i Verdi rivolgono alla Prefettura di Ascoli Piceno.
In caso di un mancato riscontro a questa sollecitazione pubblica, i Verdi di S. Benedetto passeranno ad una sollecitazione ufficiale e assicurano sin da ora che a eventuali danni arrecati alla collettività, come ad esempio la mancata riapertura delle mense scolastiche nei tempi previsti, qualcuno dovrà assumersi le proprie responsabilità e spiegare ai cittadini le motivazioni di tali ritardi.
*Per i Verdi di S.Benedetto Pietro D’Angelo

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 193 volte, 1 oggi)