GROTTAMMARE – La maggioranza di centrosinistra ha approvato, nell’ambito del consiglio comunale dello scorso 12 settembre, l’adozione definitiva di una variante al Prg riguardante le fasce di rispetto stradali in centro abitato e il punto sulla ricognizione degli equilibri di bilancio, cioè la verifica delle previsioni delle entrate e delle uscite indicate nel documento finanziario 2005 che la legge permette di effettuare entro il 30 settembre. Il punto è stato illustrato dal sindaco Luigi Merli che ha assicurato “il pieno rispetto tra previsioni indicate nel documento finanziario 2005 e andamento reale delle entrate e delle uscite: l’Ici è in linea con gli anni precedenti, l’imposta di pubblicità è stata incassata per il 70% già a giugno. I trasferimenti erariali saranno quelli che ci hanno comunicato e per quanto riguarda le entrate extratributarie, sia i proventi della Farmacia comunale che le sanzioni amministrative rispettano le previsioni?. Il consigliere Maria Grazia Concetti del gruppo Il Governo dei Cittadini ha motivato il voto contrario del gruppo di minoranza “coerente con quello espresso per l’approvazione del bilancio di previsione?.
Il consiglio comunale si era aperto con il saluto al civico consesso di un ospite proveniente di-rettamente dall’assemblea dell’Onu dei Popoli tenutasi a Perugia, l’argentino Alberto Spagnolo, esponente del movimento dei lavoratori disoccupati. La sua presenza ha permesso di anticipare all’inizio della discussione alcuni punti all’ordine del giorno programmati inizialmente in cosa. Si trattava di due documenti proposti dal coordinamento degli enti locali per la pace e i diritti umani: contro la miseria per gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e sulla Riforma delle Nazioni Unite. Entrambe le proposte, dopo ampio e sostenuto dibattito, sono state approvate con il voto favorevole della maggioranza e l’astensione della minoranza.
Anche tutti gli altri punti all’ordine del giorno sono stati approvati: tra questi il punto relativo all’approvazione del regolamento per la disciplina e gestione delle sponsorizzazioni, quello sul Piano di recupero di un isolato del nucleo ottocentesco cittadino e per quello legato alla reiterazione del vincolo preordinato all’esproprio dell’immobile ex Cantalamessa di proprietà del comune di Ascoli, azione propedeutica alla realizzazione dei 14 alloggi residenziali per anziani autosufficienti. In questo caso, infatti, si trattava dell’ultimo passaggio prima di avviare la pratica dell’esproprio.
Un solo argomento in discussione è passato all’unanimità, quello riguardante l’approvazione delle modifiche al regolamento edilizio comunale. Il punto rispetta un atto dovuto sollecitato da una recente circolare prefettizia. Secondo le nuove disposizioni di legge, infatti, le commissioni edilizie non potranno più annoverare nella loro composizione politici (sindaco, assessori, consiglieri comunali). Ne faranno parte solo tecnici.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 368 volte, 1 oggi)