GROTTAMMARE – “Da Bammenella a Filumena” e “Rosso cupo-Una donna delle Brigate rosse” saranno i due spettacoli che verranno messi in scena rispettivamente sabato 10 e domenica 11 settembre al Teatro dell’Arancio.
“Da Bammenella a Filumena” è stato allestito da “Il Teatro della Bugia”, una compagnia casertana che ha incentrato il suo lavoro degli ultimi anni sul binomio avanguardia-tradizione, e che proporrà un recital concerto. La rappresentazione, che mescolerà poesia, commedia e canzoni, e che sarà interpretata da Pierluigi Tortora, vuole essere un omaggio a due grandi interpreti del ‘900, Eduardo De Filippo e Raffaele Viviani. Di Eduardo saranno utilizzati i testi “Il figlio di Pulcinella” e “L’arte della commedia”, mentre di Viviani saranno recitati “O’ Vico” e “I dieci comandamenti”.
“Rosso cupo-Una donna delle Brigate Rosse”
è invece la storia di una madre che rivela il proprio passato alla figlia, insieme ai propri dubbi, le proprie illusioni ed i fallimenti. Decisioni vissute a fondo, come il coraggio di staccarsi da una ideologia in cui non si crede più e cambiare vita. Lo spettacolo, con Francesca D’Este e Lucia Messina per la regia di Antonino Varvarà, è realizzato da “Questa Nave”, compagnia veneziana impegnata nel teatro contemporaneo da oltre quindici anni.
Il costo di ogni rappresentazione è di 8 euro. Inizio spettacoli ore 21.30. Info e prenotazioni: Laboratorio Teatrale Re Nudo tel. 0735.582795, e-mail teatriinvisibili@tiscali.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 298 volte, 1 oggi)