SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Apriamo la consueta analisi della domenica di campionato che si avvicina, con una constatazione: la terza giornata del C1/A sarà il primo turno spezzettato della stagione, con un anticipo ed un posticipo. Si apre domani con il derby lombardo tra la Pro Sesto – quest’anno i biancocelesti disputeranno, a meno di sorprese, tutti gli incontri casalinghi al sabato – ed il Monza; le due squadre vivono la vigilia con umori diametralmente opposti: Cottini e soci vengono da due sconfitte e sono chiamati ad un pronto riscatto, mentre la banda Sonzogni – autentica sorpresa di questo avvio di campionato (tra due domeniche i biancorossi ospiteranno la Samb allo stadio Brianteo) – ha già messo in cascina 4 punti, andando peraltro a pareggiare sul campo di una delle big del girone, il Pavia di Torresani. Ne uscirà fuori un’altra spartizione della posta?
Il posticipo di martedì (ore 20.30) è invece appannaggio di Genoa e Fermana. Siamo già, potere del calcio attuale, ad una sorta di ultima spiaggia per le due contendenti: il Grifone, dopo lo 0-3 a tavolino e lo striminzito pareggio col Pizzighettone di due sere fa (nel recupero della prima giornata) è costretto a rincorrere in graduatoria ed è dunque obbligato a centrare la prima vittoria stagionale, nonostante condizione fisica e amalgama non siano dalla sua; la squadra del presidente Battaglioni d’altro canto ha inaugurato la stagione nel peggiore dei modi, con due sconfitte di fila. Appare difficile, anche se il vecchio adagio giura che la palla è rotonda, un’inversione di tendenza proprio a Marassi.
Innumerevoli gli spunti che offrono le restanti partite della domenica. Specie in casa Samb. La truppa di mister Galderisi, nelle vesti di capolista, è attesa dal primo impegno di cartello al cospetto di uno Spezia che al Riviera delle Palme misurerà ambizioni e credenziali. Pochi problemi per i due allenatori, ad eccezione del quasi certo forfait di Antonio Rosati, sofferente per la distorsione alla caviglia procuratasi subito dopo l’esordio col Novara.
Nelle Marche si profila davvero un bel match, incerto e aperto ad ogni risultato. Da una parte una squadra giovane che è già partita alla grande, forte della coppia d’attacco Martini-Scandurra, oltre che di diverse buone individualità per ogni reparto – anche se tra i rivieraschi pare essere il gruppo il vero, grande punto di forza -; dall’altra una compagine ancora da decifrare, visto che ha disputato solo la prima giornata – domenica scorsa è restata a guardare in virtù del rinvio della gara contro la Salernitana.
L’organico a disposizione di mister Soda comunque è di prim’ordine e nell’ultimo giorno di mercato utile è stato aggiunto un ulteriore tassello di qualità, vale a dire l’ex Pescara e Napoli Massimiliano Varricchio, destinato al debutto in bianconero proprio al Riviera. Ma Samb-Spezia potrebbe decidersi a centrocampo. In casa rossoblù sembra rinviato l’esordio di Davide Faieta, il quale sulla carta potrebbe formare una bella coppia con Antonio De Rosa; Galderisi però si affiderà alla medesima squadra che ha battuto a domicilio il Teramo, dunque con la cerniera di centrocampo composta dal duo De Rosa-Tedoldi. I ‘colleghi’ dirimpettai liguri sono d’altro canto di provata esperienza – l’ex Crotone Vito Grieco e l’ex Modena Paolo Ponzo -;come dire: servirà una prova di spessore da parte del reparto marchigiano.
Altra sfida che merita attenzione quella dell’Arechi di Salerno, dove gli uomini di Costantini esordiranno dopo aver usufruito di due giornate di stop. Di fronte il Novara di Cabrini, probabilmente quanto di peggio potesse capitare ai granata. Se gli azzurri infatti hanno dalla loro un impianto di gioco collaudato, la Salernitana, crediamo, faticherà all’inizio a trovare le giuste misure, pur annoverando tra le propria fila calciatori di valore. Benvenuta in ogni caso ad una delle sicure protagoniste del C1/A.
Il Pavia, dopo il mezzo passo falso interno contro il Monza, scende in Abruzzo per fare visita al Teramo di mister Cari col dente avvelenato per la rotonda sconfitta patita al Comunale domenica scorsa. Pronostico tutt’altro che scontato per questa sfida, anche perché i biancorossi, dovessero correggere l’approssimazione palesata sotto porta, hanno le potenzialità per fare bene.
Trasferta impegnativa anche per il Padova, sul campo del San Marino. Gli uomini di Pellegrino, come il Pavia, nel turno precedente hanno dilapidato all’Euganeo la ‘dote’ della vittoria raggiunta sul campo della Pro Sesto; all’ombra del Titano Lagrotteria e soci cercheranno di riprendersi i punti lasciati per strada, ma la formazione di Buglio non starà di certo a guardare.
Il Pizzighettone, reduce dall’impresa contro il Genoa sul neutro dello stadio Delle Alpi, ospita il Giulianova, mentre a chiudere il quadro della giornata la sfida tra Pro Patria e Ravenna.
BORSINO ROSSOBLU’. Seduta di allenamento pomeridiana per la Samb. Tutti a disposizione di mister Galderisi ad eccezione di Rosati, Tedoldi – vittima di un piccolo risentimento muscolare – e Di Dio, il quale ieri sera ha lamentato qualche linea di febbre. Questi ultimi due in ogni caso non paiono in dubbio per domenica. Domani mattina consueta rifinitura al Riviera e poi partenza per il ritiro di Colli del Tronto.
SAMB POINT. Il Samb Point di via Crispi intende proporre anche per la stagione attuale le iniziative che l’anno passato hanno riscosso tanti consensi. Domani inaugureranno la serie di incontri tra calciatori rossoblù e tifosi rivieraschi, l’attaccante Gabriele Scandurra e i difensori Maurizio De Pascale e Damian Rojas Macaluso, i quali dalle 17 alle 18 saranno a disposizione per firmare autografi e quant’altro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 431 volte, 1 oggi)