SAN BENEDETTO DELTRONTO – Finite le attese, terminato il mercato, si torna a parlare di calcio giocato. Tra sabato e domenica riprendono tutti i campionati dilettantistici ad eccezione dell’Eccellenza che ha inaugurato la stagione il 4 settembre trovandosi, già, con due gare in meno sul groppone (ha disputato anche il primo turno infrasettimanale).
Ha superato brillantemente la prova di Coppa qualificandosi al secondo turno, in terra laziale è atteso l’esordio con il Frascati, il Grottammare si veste per questo inizio di stagione di belle speranze. Seppur giovane, possiede le caratteristiche necessarie per ritagliarsi un posto tra le pretendenti al titolo. Merito di una Società rigorosa quanto mai accorta alla qualità e di un allenatore come Marocchi la cui esperienza non può che impreziosire il cacher biancoazzurro.
Per il Centobuchi il campionato è gia partito. Due gare, quattro punti conquistati (una vittoria con il Caldarola 3-1, un pareggio con la Jesina 1-1), un avvio decisamente positivo per il nuovo tecnico Giuseppe De Amicis. Sabato è il “griffato? Bikkembergs Fossombrone, ancora a quota zero in classifica, a far visita al Centobuchi.
Regina della Prima Categoria lo scorso anno, ora matricola di Promozione, la Cuprense è pronta a partire. A Trodica inizia il cammino della formazione di Clerici, riconfermato dopo quanto d’importante è riuscito a fare la passata stagione.
La Ripa, affidata all’emergente Giuseppe Antognozzi, scalda i motori. Contro la Monteprandonese, senza l’infortunato Ribeca (4-5 mesi di stop), il tecnico degli amaranto schiera una formazione contenitiva ma d’attacco. Far punti è l’obiettivo primario.
Vita dura per l’Acquaviva. In casa con l’Offida, il trainer Travaglini deve rinunciare a tre squalificati e quattro indisponibili, saranno soltanto sedici i convocati. Inizio tribolato che solo un successo ha la facoltà di lenire a ciò.
Esordio con l’Azzurra Colli per il Porto d’Ascoli. Squadra al completo, tranne il difensore Capecci febbricitante, difficile che sia recuperabile per sabato. I biancocelesti sono attesi ad un campionato di riscatto dopo gli alti e bassi del precedente. I risultati delle prime partite saranno l’indicatore per il cammino futuro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 235 volte, 1 oggi)