ACQUAVIVA PICENA – Le ore che separano l’Acquaviva dall’esordio in campionato possono contarsi con le dita. Due giorni ancora, prima di tornare a soffrire sul rettangolo verde e lottare per adeguate posizioni di classifica. Un bel risultato da difendere quello che gli aranciocelesti hanno conquistato la passata stagione, semifinale dei play off persa poi con la Sangiorgese.
Ma il tecnico Luigi Travaglini vola d’umiltà: “Cercheremo, come sempre, di fare il nostro campionato senza particolari velleità. La squadra rispecchia l’ossatura dell’anno scorso, abbiamo molti giovani tra cui tre ragazzi classe ’88 provenienti dal settore giovanile più l’esperienza di Traini, ex Sangiorgese.?
Estate di lavoro ma non troppo. “La nostra preparazione non è stata pesante – ha commentato il trainer acquavivano – Non ho optato per carichi pesanti bensì regolari. Ho puntato soprattutto, anche sotto il profilo atletico, sul gioco con la palla con partitelle a tema. Il mio è criterio è stato quello di non fare tantissimo adesso in quanto ci alleneremo per nove mesi?.
Panoramica immancabile ma veloce sul calendario: “Il nostro inizio di stagione non sarebbe male visto gli scontri con Offida alla prima giornata e Monteprandone poi, se non fosse che ho molti giocatori indisponibili.? I rinforzi di molte squadre unite al blasone di altre hanno indotto gli esperti ad essere indecisi su quali siano le formazioni da battere. Lo stesso mister Travaglini lo conferma: “Ho sentito che quest’anno quasi tutte le compagini si sono ben attrezzate. Credo che sarà un campionato piuttosto interessate e più combattuto dei precedenti.?
Problemi di formazione subito per l’allenatore degli aranciocelesti: “Ho tre squalificati più altri quattro giocatori infortunati. Contro l’Offida saremo solo in sedici comunque in campo scenderemo in undici? ha concluso sarcasticamente Travaglini, già tribolante all’esordio con seri dubbi di schieramento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 375 volte, 1 oggi)