SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb non può morire e la città comincia a capirlo: così gli albergatori di San Benedetto del Tronto e dell’hinterland hanno deciso di aderire e di sottoscrivere le tessere di abbonamento “vip?, del valore di mille euro, a favore della Sambenedettese Calcio. Dunque arrivano le prime buone notizie dai settori economici cittadini, chiamati a rispondere all’s.o.s. rilanciato proprio ieri da Gabriele Mastellarini.
L’annunciato incontro tra Gabriele Mastellarini, figlio del presidente Umberto e responsabile relazioni esterne della Samb, e gli albergatori si è avuto, come previsto, presso la sede dell’Assoalbergatori, con inizio alle 17,15 (era presente anche Livio Righetti, presidente Centro Coordinamento Curva Nord). Inizialmente, dopo l’introduzione del presidente dell’associazione Domenico Mozzoni, Gabriele Mastellarini ha descritto la situazione in cui versa la Samb: “Mio padre ha preso a cuore questa società anche se un mese fa c’è stata la perdita importante di un socio – ha spiegato riferendosi alla vicenda D’Ippolito – Abbiamo sotto contratto gente importante come Martini e Scandurra, oggi abbiamo acquistato un altro giocatore (Faieta, ndr), ma come ripetuto, da soli non ce la facciamo. Se la città non si stringe attorno a questa squadra e a questa società, c’è il rischio che entro pochi mesi ci dovremo privare dei migliori calciatori.?
Mastellarini jr. ha ribadito anche gli obiettivi che si pone la famiglia Mastellarini: “Abbiamo preso la squadra dalla gestione Gaucci, recuperando una situazione difficile con debiti per 1.680.000 euro. Sono sicuro che nel giro di due o tre anni potremo riportare la Samb nei palcoscenici calcistici che merita e azzerare completamente qualsiasi debito. Ma serve il vostro aiuto, anche perché purtroppo, nonostante la vendita di alcuni giocatori importanti, la Samb non ha ricavato nulla dallo scorso calciomercato, e non per propria scelta?.
Domenico Mozzoni ha subito ribadito che “giustamente la Samb chiede il nostro contributo, essendo anche la squadra di calcio un mezzo promozionale della nostra città?, anche se poi il presidente preciserà che lo stesso sforzo sono chiamati a farlo anche tutte le categorie sambenedettesi, “dagli chalet ai commercianti, dai professionisti ai costruttori?. È intervenuto anche Nino Capriotti, albergatore nonché assessore provinciale allo sport: “Concordo con Domenico, questa è una formula possibile per poterci attivare, e lo faremo?. Mozzoni ha dunque invitato gli albergatori delegati ad esprimere la loro opinione e tutti (compresi alcuni che avevano sottoscritto tessere personali) hanno accettato la proposta, lanciando anche degli spunti affinché la collaborazione tra Samb e il settore turistico possa svilupparsi ulteriormente (triangolari estivi, forme di pubblicità durante le trasferte nei campi del Nord, eccetera).
Quanti albergatori, però, seguiranno l’invito dell’associazione? Alcuni tra i presenti hanno stimato che il 60-70% degli albergatori aderiranno senza alcun problema (c’è già da sommare, all’adesione dei presenti, anche quelle di alcuni imprenditori che non sono potuti intervenire). Ci sono anche alcuni alberghi che non sono iscritti all’associazione, ma non si deve dimenticare che oltre gli 84 hotel e pensioni nella zona di San Benedetto insistono circa 40-50 strutture turistiche extra-alberghiere (residence, b&b, affittacamere, ecc.), che potrebbero sostenere la causa rossoblù.
Ad ogni modo, come sottolineato da Gabriele Mastellarini nel finale, “c’è da ringraziare i presenti e sperare che, a seguito di questa adesione, si verifichi un effetto domino sulle altre categorie economiche sambenedettesi?. Mastellarini infatti ha nell’agenda un incontro con il presidente regionale della Confesercenti Paolo Perazzoli, in programma proprio in questo momento (ore 19:00), mentre domani incontrerà il vicepresidente di Assindustria provinciale, Speranza.
Riguardo gli albergatori, alcuni dipendenti dell’associazione si impegneranno, a partire dalla giornata di domani, a vendere le tessere di abbonamento a tutti i soci: probabilmente nella giornata di venerdì o di sabato verrà fatta una conferenza stampa per presentare i risultati di questa iniziativa. Ricordiamo che chi lo vorrà, sottoscrivendo una tessera da mille euro, potrà avere una maglia personalizzata con il logo “Riviera delle Palme? davanti e il nome del proprio albergo sul retro.
DECRETO PISANU. Come è oramai noto, il decreto a nome del Ministro dell’Interno impone una serie di misure atte a prevenire la violenza negli stadi (steward sugli spalti, biglietti e abbonamenti personalizzati, posti pre-assegnati, installazione di tornelli elettronici, ecc.). Per tentare di ovviare a queste spese, la Samb ha chiesto alla Prefettura di Ascoli Piceno di ridurre la capienza del Riviera delle Palme a 10 mila spettatori rispetto ai quasi 15 mila attuali. In attesa di una comunicazione ufficiale, la Samb per il momento ha la possibilità di vendere degli abbonamenti che non siano personalizzati (con foto identificativa), ma che, come nel caso degli albergatori, possano essere intestati al nome dell’impresa (Hotel Xy).
INTERVISTA AUDIO. Alla sinistra dello schermo potete cliccare per ascoltare l’intervista rilasciata da Domenico Mozzoni al termine dell’incontro (occorre avere installato Real Player nel proprio computer: se volete cliccate qui, è gratuito)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 963 volte, 1 oggi)