Il project financing per il recupero del palazzo di via Turati tradisce totalmente le attese dei cittadini che da anni aspettavano la ristrutturazione di questa area per poter avere finalmente anche a Porto d’Ascoli una struttura pubblica e una zona parcheggi tanto attesa quanto necessaria . Ecco il motivo dell’assemblea pubblica indetta dall’Unione per Venerdì 2 settembre alle ore 21.00 presso il circondario della provincia in via Mare largo Danubio . Un incontro organizzato soprattutto per spiegare ai cittadini come ancora una volta questa amministrazione , l’ultima per fortuna , non ha voluto ascoltare nessuno. A nulla infatti sono serviti gli interventi dell’opposizione e a nulla sono servite le tante firme raccolte per tentare di migliore un progetto che vede tanto per la parte privata e molto poco per parte pubblica .
Nessuno chiaramente intende mettere in discussione la necessità e l’urgenza di sistemare un’area e un’immobile così fatiscente in una zona centrale ed importante di porto d’Ascoli che a causa dei tanti intoppi burocratici è stata lasciata per troppo tempo all’abbandono. Questo progetto però se pur necessario e urgentissimo non andava assolutamente fatto così come invece è stato realizzato .
Sono stati spesi molti soldi in questi anni per affitto di altri locali e per la manutenzione della struttura , sempre però con l’obbiettivo e l’auspicio che tali sacrifici sarebbero serviti a conservare , , nel cuore di Porto d’Ascoli , una struttura e un’area parcheggio ad uso dei cittadini . In realtà invece il progetto prevede che solo il piano terra dello stabile rimanga al comune e tutti gli altri piani venduti per appartamenti o uffici ; i box parcheggi sotterranei anche loro venduti a privati , il giardino sopra ridimensionato . Il parcheggio , in particolare , rappresenta in questa zona un dramma per le tante attività commerciali presenti ed il progetto di questo problema doveva assolutamente tenere conto . Oltre al fatto di prevedere altri spazi da utilizzare per una eventuale biblioteca piuttosto che locali per associazioni o comitati , spazi per il poliambulatorio o spazi per decentrare altri servizi comunali . A questo doveva servire il palazzo di via turati ma così non sarà ; è stato svenduto l’ennesimo bene pubblico della nostra città .
*Segretario Ds Porto d’Ascoli

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 416 volte, 1 oggi)