SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb no, la Juve Stabia sì. Questo può aver pensato il procuratore di Cristian Antonio Agnelli, talentuoso centrocampista scuola Lecce – in passato ha vestito le maglie di Catanzaro e Verona; per lui anche un mondiale Under 20 – che la settimana scorsa era stato annunciato, insieme all’altro prodotto del vivaio salentino, Carlo Vicedomini, oltre che a De Pascale e Scandurra, da Beppe Dossena. Poi il dietrofront del procuratore del giocatore e la conseguente comunicazione del diesse rossoblù agli organi di informazione sambenedettesi. Una vicenda strana, i cui particolari (leggi: le motivazioni alla base del comportamento dell’assistente di Agnelli) non ci sono del tutto chiare. Fatto sta che alla fine il giovane calciatore ha, fortuna sua, trovato una squadra, peraltro assai ambiziosa: quest’anno il presidente delle ‘vespe’ Paolo D’Arco sta facendo le cose in grande. In bocca al lupo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 402 volte, 1 oggi)