SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un week end turbolento quello del ferragosto sambenedettese. Accanto ai soliti e più o meno “legittimati? eccessi dei giovani della movida rivierasca, due episodi di criminalità hanno turbato la sicurezza di villeggianti e residenti.
A Grottammare, alle 4.30 di venerdì 12 agosto, sono stati individuati due ladri che avevano forzato e saccheggiato due autovetture in sosta.
La Squadra Volante della Polizia è intervenuta prontamente, mettendo alla fuga gli uomini.
Dopo aver abbandonato gli attrezzi utilizzati per forzare le vetture, i ladri hanno tentato di sottrarsi alle forze dell’ordine, venendo però immobilizzati rapidamente dalla Polizia.
I ladri – l’ascolano del 1960 B.F. e il sambenedettese del 1968 M.A., entrambi pregiudicati – sono risultati in possesso di un ricca refurtiva, appartenente alle automobili di turisti in vacanza in Riviera.
Gli uomini sono stati arrestati per il reato di furto aggravato e continuato con violenza su auto e sono ora in arresto presso la Casa Circondariale di Ascoli Piceno, dove dovranno scontare una pena di 6 e 4 mesi ciascuno di reclusione. Domenica 14 agosto invece, alle 6 del mattino, la Polizia ha intercettato l’autore di furti su auto in sosta in via Calatafimi, a San Benedetto.
Frantumando il vetro di un’autovettura, il ladro si stava impossessando di soldi ed oggetti incustoditi all’interno del veicolo, dandosi poi immediatamente alla fuga per le vie del centro.
Gli uomini della Squadra Volante di San Benedetto, supportati dal coordinamento del Commissariato, sono riusciti a bloccare in una stradina vicino a Via Calatafimi l’autore del reato. Rinvenuta la refurtiva rubata, questa è stata restituita ai legittimi proprietari.
L’uomo è stato identificato come B. Paolo, un pluripregiudicato noto alle forze dell’ordine, arrestato perchè colpevole del reato di furto aggravato all’interno di autovettura. Su disposizione della Procura della Republica di Ascoli Piceno, il pregiudicato è stato condotto alla Casa Circondariale Marino del Tronto, per poi essere condannato alla detenzione domiciliare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 439 volte, 1 oggi)