SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Samb alla ricerca dei tasselli mancanti per forgiare una formazione in grado di dare la scalata alla B. Per l’attacco, reparto che necessita, non è una novità, di una punta di peso, si stanno facendo ormai da giorni i nomi di due ex molto amati dalla tifoseria rivierasca, vale a dire Francesco Zerbini e Gabriele Scandurra, i quali hanno vestito, con proficuo (20 gol in due), la maglia della Samb nella stagione 2003-2004. Se il primo, attualmente in forza al Padova, ha negato un qualsiasi contatto con l’entourage marchigiano, il secondo, dopo un anno in prestito al Cisco Lodigiani – giunto in biancorosso in gennaio non ebbe modo di conoscere Beppe Dossena, attuale responsabile tecnico della Samb, già sostituito da Puccica sulla panchina dei laziali – è tornato a Perugia. Dopo il fallimento del club umbro Scandurra si ritrova svincolato; si sta allenando da solo, aspettando di trovare una squadra. La Samb, a quanto pare, è tra le papabili.
“Mi hanno cercato molte società di serie C2 – confessa il 27enne attaccante romano – e qualcuna di C1. La Samb? Il mio procuratore mi ha accennato ad un interessamento da parte del sodalizio marchigiano, ma si deve prima aspettare l’insediamento della nuova società?.
L’ipotesi rossoblù in ogni caso, sarebbe più che gradita all’ex attaccante della Lodigiani (l’anno passato in biancorosso ha messo a segno 5 reti collezionando 15 gettoni): “Mi farebbe molto piacere ritornare a San Benedetto, ci mancherebbe, ma prima aspettiamo di vedere definita la questione societaria. Sapere di poter lavorare con alle spalle una proprietà forte, seria e con obiettivi importanti non è un aspetto da sottovalutare?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 589 volte, 1 oggi)