SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I tifosi rossoblù dovranno pazientare ancora poco per vedere sciogliersi le diverse situazioni irrisolte in seno alla Samb Calcio. Stamattina verrà infatti messo nero su bianco per il passaggio di una fetta delle quote sociali del sodalizio di Viale dello Sport, ma non centrano nulla le ipotesi caldeggiate nel corso di questa intensa estate relative al fantomatico broker romano Paolo Di Stanislao e della cordata milanese facente capo a Beppe Dossena.
Nel pomeriggio di ieri i rappresentanti di una nota e solida (così ce l’hanno descritta) ditta di Pavia che opera nel campo della telefonia, di cui per ora rimangono sconosciute le generalità, si sono incontrati con la dirigenza rossoblù, con la quale hanno raggiunto un accordo massima: il gruppo lombardo si accollerà il 40 per cento delle azioni lasciate dall’uscente consulente di mercato rivierasco Vincenzo D’Ippolito, il cui disimpegno è divenuto ufficiale a tutti gli effetti proprio ieri (insieme alle sue sono giunte le dimissioni anche del team manager Michele Scaringella). In seguito potrebbe esserci la possibilità di un ulteriore investimento di tale ditta, per ora quello che è certo è che il presidente Umberto Mastellarini rimarrà saldamente sulla poltrona di massimo dirigente rossoblù, oltre a svolgere il ruolo di garante nei confronti dell’ambiente tutto; di contro i proprietari lombardi se ne staranno dietro le quinte.
A tal proposito i maggiori rappresentanti della tifoseria rivierasca al termine dell’amichevole tra Samb e Ternana, in occasione della quale è avvenuta la presentazione della nuova squadra, si sono incontrati con il presidente Mastellarini proprio per venire informati dell’imminente entrata nella società della citata ditta pavese.
Oggi in ogni caso avremo modo di venire a conoscenza di tutti i dettagli dell’operazione, dopodiché, finalmente, verranno definiti anche i ruoli ancora scoperti all’interno dello staff tecnico sambenedettese, allenatore e direttore generale in primis. Nel primo caso sembrano in ballo cinque nomi (Zecchini pare comunque restare il maggiore accreditato), quelli di Ortega e Gentilini sono però stati esclusi categoricamente. Lo stesso Umberto Mastellarini ieri sera ha confermato che nel giro di 36-48 ore verrà ufficializzato il nome del nuovo condottiero rossoblù. Incalzato sulla questione societaria, non ha voluto anticipare niente, anche se il buonumore e la loquacità che lo hanno contraddistinto ieri sera, sono la conferma che la trattativa si è finalmente sbloccata: “Intendo solo ringraziare D’Ippolito e Scaringella – ha detto il presidente del club marchigiano – per il lavoro che hanno fatto in questo anno di permanenza alla Samb. In merito alle quote societarie quando ci saranno delle novità avvertiremo la stampa ed i tifosi. Domani o dopodomani (oggi o domani per chi legge, ndr) al massimo renderemo noto il nome del nuovo allenatore?.
Nel caso del ruolo di dg invece, in pole position pare sempre esserci Giuliano Pesce, ex Lanciano, il quale anche ieri sera era al Riviera e che nel pre-partita si è lungamente soffermato a parlare con Gabriele Mastellarini.
Il diretto interessato, in ogni caso, continua a non sbilanciarsi oltremodo: “Credo che un mio eventuale investimento nel ruolo di direttore generale – ha detto Pesce – dipenda dal discorso della vendita delle quote societarie. Ho comunque un buonissimo rapporto con la famiglia Mastellarini. Sono pronto. La squadra? C’è già una buona base su cui eventualmente lavorare, in ogni caso chi già fa parte della rosa sta dimostrando buone capacità, ma soprattutto impegno e sacrificio?.
Ancora un poco di pazienza e la Samb 2005-2006 prenderà definitivamente forma.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 793 volte, 1 oggi)