SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La panchina rossoblù, dopo le dimissioni di Hector Ortega ed il mancato accordo con l’ex Davide Ballardini, resta per ora vuota. Ancora per poco, giurano dalla stanza dei bottoni di Viale dello Sport; nella giornata di oggi dovrebbe essere sciolto il nodo relativo alla guida tecnica da consegnare ad un gruppo che per una settimana ha lavorato nell’incertezza.
E a proposito di allenatori in odore di ‘vestire’ il rossoblù, nella tribuna del ‘Riviera delle Palme’ per il match di Coppa Italia tra Samb e Cremonese, abbiamo avvistato Augusto Gentilini.
“Non mi ha contattato nessuno – assicura l’ex allenatore del Giulianova – anche se è normale che mi farebbe molto piacere diventare l’allenatore della Samb. Vivo qui e inoltre quella rivierasca è una squadra ed una società che fanno gola a molti, non solo al sottoscritto. Perché prendo appunti? E’ il mio lavoro, lo faccio in qualsiasi stadio in cui mi reco�.
Punzecchiato sulla partita, fino a quel momento inchiodata sull1-1, Gentilini dice: “Difficile trarre indicazioni importanti, non solo perché siamo all’inizio della stagione, ma anche per via del terreno pesante. In ogni caso la Samb pare annoverare tra le sua fila diversi giovani interessanti. Nomi non ne faccio però. Siamo comunque in piena fase di rodaggio, anche la Cremonese, che pure è squadra di categoria superiore e certamente più affiatata, in occasione del vantaggio dei padroni di casa si è fatta trovare impreparata�.
Gentilini, al termine dell’incontro, ha parlottato a lungo con l’ex direttore sportivo del Lanciano (due anni fa era invece alla Ternana) Giuliano Pesce, tra i papabili a ricoprire il ruolo di ds dopo l’allontanamento del consulente di mercato Vincenzo D’Ippolito. Anche lui però fa spallucce: “Io alla Samb? Per il momento sono solo voci. Sono comunque a disposizione, anche perché la Samb rappresenta una delle piazze più grandi di serie C che non può che conferire grandi stimoli. Rappresenterebbe un bel salto di qualità per il sottoscritto. Gentilini? Lo conosco, è un bravo allenatore, ma non so se sia lui il prescelto a sedersi sulla panchina della Sambenedettese�.
Infine Pesce, interpellato sullo partita, ha argomentato: “Ho notato un grosso impegno da parte di tutta la squadra, non era facile stasera, ma credo che tutti, nuovi e ‘vecchi’, abbiamo fatto la loro parte. Chi mi ha impressionato di più? Direi Martini, un gran bell’attaccante�. E se ne va. Vogliamo scommettere – medesimo discorso per Gentilini – che si tratta solo di un arrivederci? Tra poche ore potremmo sapere.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 588 volte, 1 oggi)