ASCOLI PICENO – Quasi ogni giorno, al momento di fare rifornimento di carburanti ci troviamo di fronte a nuovi aumenti del costo litro tanto che, ad oggi, i prezzi dei combustibili da autotrazione italiani, hanno pressoché il primato europeo e comunque sono davvero per così dire arrivati alle stelle. Una tale situazione pesa sicuramente sulle economie generali nel nostro Paese e più in particolare su tutti i settori collegati con l’automobile e l’autotrasporto ma, mentre questi stessi settori possono adeguare le loro tariffe, quasi sempre in tempo reale ad ogni aumento di benzina o gasolio, per gli agenti e rappresentanti di commercio la situazione è ben diversa.
E’ notorio infatti che la categoria vive esclusivamente di provvigioni e che per la stessa, l’automobile rappresenta il primario “bene strumentale? da cui non si può assolutamente prescindere, utilizzando magari, per fare economie, mezzi di trasporto alternativi. Ma le provvigioni non sono rapportate agli aumenti dei costi generali, ne tanto meno a quelli dei carburanti, per cui si rende necessario che si valuti in qualche modo questa particolare condizione prevedendo a livello normativo delle specifiche provvidenze in favore della categoria, quanto meno sul fronte del costo della benzina. Partendo da tali presupposti il Cav. Tullio Luciani, presidente provinciale degli Agenti e Rappresentanti FNAARC – CONFCOMMERCIO, ha inviato un accorato appello a tutti i parlamentari della Provincia di Ascoli Piceno (Magnalbò, Ciccanti, Conti, Scaltritti, Bastianoni, Ruggieri, Zama) affinché intraprendano una iniziativa congiunta atta ad addivenire ad un provvedimento normativo che abbatta quanto meno gli oneri fiscali che riguardano appunto specificatamente la categoria. Luciani suggerisce, che un primo significativo passo potrebbe essere quello di consentire agli Agenti e Rappresentanti la detrazione del costo dei carburanti al 100% invece della attuale misura dell’80%. “Il problema – ha precisato Tullio Luciani, – è sicuramente di interesse nazionale ma la nostra Provincia, con i suoi Parlamentari, può essere testa di ponte per sostenere la categoria degli Agenti e Rappresentanti di Commercio, su cui si riflette prioritariamente la crisi dei consumi che sta interessando il nostro territorio Provinciale come del resto l’intera Italia?.
*Il direttore Giorgio Fiori

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 218 volte, 1 oggi)