GROTTAMMARE – “La mia famiglia è proprietaria di questo chalet dal 2001. Io sono la titolare assieme ai miei fratelli, e dallo scorso anno lo gestisco con mio cognato?. Parola di Elisabetta Betty Novelli, dello chalet Rosa dei Venti, concessione n° 7 di Grottammare: attraverso le sue parole proseguiamo il nostro sondaggio tra i concessionari di spiaggia della Riviera delle Palme.
“Da quando lo abbiamo rilevato – prosegue la Novelli – lo stabilimento ha cambiato nome ed è stato rinnovato nei colori e nell’immagine, con la predominanza delle tinte estive del bianco e dell’arancio. Sono stati sostituiti gli arredi ed è stato realizzato tra l’altro un grande gazebo in legno che accoglie i tavoli del ristorante, fiore all’occhiello di tutta la nostra attività?.
Ci parli appunto dei servizi e delle iniziative che offrite ai clienti del vostro chalet.
Un’ampia zona pavimentata ci permette di ospitare serate danzanti che organizziamo nel corso dell’estate, ma anche feste di compleanno ed iniziative varie, come la serata spinning che avverrà il 24 luglio, in occasione della festa della Madonna della Marina, e che vedrà inoltre una pennettata in spiaggia per coloro che vorranno assistere ai fuochi d’artificio, ben visibili da questo punto. Il servizio di ristorazione ritenuto ottimo dai nostri clienti per qualità e prezzo, è comunque ciò che contraddistingue maggiormente la nostra offerta.
Chi sono i frequentatori abituali dello stabilimento?
Famiglie e ragazzi ventenni, per lo più del posto, ma anche turisti affezionati che alloggiano in residence e hotel ed ogni anno tornano a trovarci.
Riesce a fare un bilancio della stagione fino a questo momento?
Abbiamo aperto il 22 aprile e grazie al sole nei week end l’inizio è stato buono. L’arrivo poi di qualche perturbazione meteorologica ha un po’ frenato la nostra attività perché si sa che, per questo lavoro, c’è gente solo se c’è bel tempo. Quest’anno comunque, a causa della crisi economica, è evidente il fatto che si lavori prevalentemente nei fine settimana, nei restanti giorni l’afflusso di persone in spiaggia scende notevolmente.
A due anni di distanza dall’inaugurazione, cosa pensa del nuovo lungomare di Grottammare?
E’ un’opera bella ma non sfruttata a dovere. La sera infatti c’è poco movimento per mancanza di attrattive: la zona Ischia risulta già di per sé un po’ spenta e se ci si limita ad organizzare un solo mercatino nell’arco di una stagione allora non si fa nulla per animarla. Occorrerebbe una maggiore integrazione tra gli chalet e l’amministrazione comunale al fine di creare un cartellone di iniziative sistematiche e non sporadiche che richiamino gente e favoriscano il passeggio in questo tratto del lungomare. Si potrebbe anche creare un secondo punto per l’affitto delle biciclette in maniera tale da venire in contro a coloro che si servono delle due ruote per spostarsi.
C’è qualcos’altro che vuole far notare all’amministrazione comunale?
Sì, soprattutto ai vigili che sono inflessibili con chi magari non parcheggia lo scooter nel posto giusto ma risultano alquanto tolleranti verso chi porta a spasso il cane e lo lascia fare i propri bisogni davanti agli ingressi degli chalet o nelle aiuole senza raccoglierli con la paletta. Bisognerebbe anche richiamare ad una maggiore disciplina chi getta cartacce a rifiuti per terra non avvalendosi dei numerosi cestini posti lungo il tracciato. La bellezza e la pulizia del lungomare dipende anche e soprattutto dal cittadino, per questo chiedo che ci siano maggiori controlli in tal senso.
Quanto alle polemiche sulla musica notturna negli chalet e sul rincaro del demanio del 300% cosa ci dice?
Questa zona è più tranquilla rispetto a Grottammare e San Benedetto, quindi capisco i turisti e le famiglie che dopo una certa ora vogliono dormire senza essere disturbati da rumori notturni. Gli orari stabiliti mi stanno anche bene, a patto che si cerchi di rivitalizzare il lungomare con manifestazioni ed animazioni varie. Quanto al rincaro del demanio, noi aderiremo alla protesta del prossimo 29 luglio tenendo gli ombrelloni chiusi come abbiamo fatto lo scorso anno, perché i clienti apprezzano il nostro sforzo di mantenere prezzi e tariffe uguali a quelli degli anni passati, ma con questi costi di gestione come faremo in futuro?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 179 volte, 1 oggi)