GROTTAMMARE – Quali sono le caratteristiche principali del Nord-Est?
Lo stabilimento presenta 45 metri di fronte lineare. L’ingresso è caratterizzato da una vasca d’acqua con zampilli, ai lati della quale si estende una pinetina privata dove ci si può rilassare sedendo su comodi arredi. Abbiamo un servizio ristorazione che offre prelibati piatti di pesce fresco e inoltre una pizzeria con forno a legna. L’ampia zona pavimentata accanto al bar ci permette di accogliere chi si siede per mangiare o sorseggiare una bibita, ma all’occorrenza diventa una delle più grandi piste da ballo della zona per le serate che organizziamo durante la settimana.
Ce ne può parlare?
Tutti i venerdì sera è di scena il latino-americano con animazione, mentre la domenica è riservata al liscio. Per la vigilia di Ferragosto i miei figli stanno inoltre preparando una serata speciale.
Le ordinanze contro la musica notturna negli chalet non vi condizionano?
Certo, finiscono per penalizzare queste serate. Si sa infatti che la gioventù esce tardi la sera e se già all’una la musica deve cessare ne consegue che resta poco tempo per il divertimento. Io credo che la mia musica non disturbi nessuno, perché case ed alberghi sono lontani dallo chalet, inoltre le casse sono sempre girate verso il mare. Comunque abbiamo chiesto ed ottenuto di allungare di mezz’ora l’orario stabilito, anche se andare avanti almeno fino alle 2 sarebbe l’ideale.
Che tipo di clientela avete?
Composta prevalentemente da residenti che prenotano l’ombrellone per tutta la stagione, ma anche da pendolari, nonché turisti provenienti dal nord o dall’estero. Ad esempio c’è un club Porsche che tutti gli anni dalla Germania viene in vacanza qui. I frequentatori sono per la maggior parte nuclei familiari e ragazzi che costituiscono le nostre giovani leve.
Qual è il suo giudizio sulla stagione balneare fino ad ora?
Non eccezionale, soprattutto a causa del tempo. Gli affari risentono anche della crisi economica: i periodi di villeggiatura si sono accorciati e anche al bar si spende meno. Tuttavia devo riconoscere che in questi ultimi giorni si sono verificati diversi nuovi arrivi, e la cosa ci ha permesso, nel fine settimana, di lavorare a pieno regime.
A distanza di due anni dall’inaugurazione del nuovo lungomare di Grottammare, cosa pensa di quest’opera? La sua attività ne ha tratto giovamento?
Sicuramente, è aumentato il passeggio e c’è più movimento. Unico neo: sono diminuiti i parcheggi a disposizione e ciò crea disagio a chi viene qui in macchina. Ho sentito anche commenti di chi ritiene il lungomare di San Benedetto più bello, ma è questione di gusti.
Cosa pensa del rincaro del demanio e della protesta collettiva dei concessionari di spiaggia che si profila per il prossimo 29 luglio?
Credo che un aumento possa anche essere accettabile, ma non bruscamente del 300%, anche perché i prezzi che noi applichiamo nei confronti della clientela sono sempre gli stessi.
Quali richieste ha da fare all’indirizzo dell’amministrazione comunale?
Vorrei che fosse attivata una vigilanza più serrata in spiaggia per contrastare la presenza di cani e contenere quella dei troppi venditori ambulanti che, essendo noi il primo chalet per chi proviene da San Benedetto, la mattina si ritrovano tutti qui per iniziare i propri giri tra gli ombrelloni. Vigilanza anche contro vandalismi notturni e furti che hanno coinvolto alcune attrezzature del nostro stabilimento, come la pompa della fontana, i rubinetti dei lavandini esterni e la rete di recinzione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 220 volte, 1 oggi)