MONTEFIORE DELL’ASO – È stata inaugurata il 1 luglio a Montefiore dell’Aso “Nonni e nipoti nella Valle dell’Aso”, una mostra allestita con i lavori fotografici degli studenti delle scuole medie di sette Comuni dell’Unione Comuni Valdaso.
I giovani partecipanti hanno espresso in maniera artistica la propria visione degli anziani, ambientata nel contesto in cui vivono. All’iniziativa hanno aderito 400 ragazzi, realizzando circa 1500 scatti, da cui stati selezionati i centocinquanta diventati poi materiale per l’esposizione.
Il progetto, patrocinato dall’Unione Comuni Valdaso e realizzato dall’Associazione “Altidona Belvedere” è stato condotto in due fasi. Nella prima, due fotografi professionisti, Daniele Maurizi e Adriano Parenti, hanno tenuto un corso di tecnica fotografica. In un secondo tempo gli alunni hanno realizzato le immagini sul tema degli anziani sviluppato nel contesto sociale in cui vivono.
L’iniziativa è stata accolta con grande entusiasmo tra i giovani fotografi e alcune classi hanno avuto anche la possibilità di sviluppare e stampare le foto da loro realizzate in una camera oscura appositamente allestita.
“Nonni e nipoti nella Valle dell’Aso” assolve una duplice funzione, perché oltre a sviluppare nei più piccoli il senso artistico, sensibilizza gli studenti verso temi sempre più attuali, come all’attenzione ed al rispetto verso i meno giovani.
La mostra rimarrà aperta tutti i giorni, escluso il lunedì fino al 18 luglio, con orario 16.30-19.30 presso la suggestiva Sala Adolfo De Carolis, al cui interno si possono ammirare i bozzetti ad olio su tela che il maestro preparò per eseguire gli affreschi della Sala dei Quattromila nel Palazzo del Podestà a Bologna.
Montefiore dell’Aso è raggiungibile dalla A14 uscendo all’altezza di Pedaso se si proviene da Nord e di Grottammare se si proviene da Sud. In entrambi i casi ci si immette nella SS 16 Adriatica: chi proviene da nord troverà indicazioni a Pedaso percorrendo la Valdaso, chi proviene da sud troverà indicazioni a Cupramarittima percorrendo la Val Menocchia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 314 volte, 1 oggi)