CIVITANOVA MARCHE – “Salvador Dalì e i Surrealisti. L’opera grafica” è sicuramente uno degli eventi cardine dell’estate marchigiana. La mostra, organizzata dal Comune di Civitanova Marchee dalla Fondazione Antonio Mazzotta di Milano, che ne ha curato anche il catalogo, presenta circa 160 opere grafiche dell’artista catalano, ma anche di molti suoi compagni di strada. Oltre a Dalì, considerato il padre di tutto il movimento surrealista, della mostra fanno parte anche i lavori di Hans Arp, Hans Bellmer, Victor Brauner, Marc Chagall, Giorgio de Chirico, Marcel Duchamp, Max Ernst, Maurice Henry, Wifredo Lam, René Magritte, Man Ray, André Masson, Roberto Sebastián, Matta Echaurren, Joan Miró, Meret Oppenheim, Pablo Picasso, Alberto Savinio, Yves Tanguy.
Salvador Dalì, oltre ad essere un grande artista fu anche uno dei più personaggi più in vista della sua epoca, che seppe imporre la propria personalità a livello internazionale sia per i propri atteggiamenti spregiudicati e anticonvenzionali, che per la scabrosità delle sue rappresentazioni. Il pittore catalano, nato a Figueras nel 1904, è sempre andato contro gli schemi e gli stereotipi, come lo dimostra la sua casa-museo da lui voluta e progettata nella città natale, dove tutto sembra studiato per disorientare lo spettatore e porlo sempre di fronte a qualcosa di sconcertante, che siano quadri, allestimenti o sculture.
La filosofia del genio spagnolo è ben riassunta nel famoso manifesto “My lucha”: “Contro la semplicità, complessità; contro la uniformità, diversificazione; contro il collettivo, l’individuale; contro la politica, la metafisica; contro la rivoluzione, la tradizione; contro la medicina, la magia; contro lo scetticismo, la fede”.
Sebbene l’inaugurazione dell’evento si sia svolto al Teatro Annibal Caro domenica 26 giugno, tutte le opere di Dalì e dei suoi ‘colleghi’ sono esposti all”ex chiesa di Sant’Agostino. Gli orari di apertura sono i seguenti: luglio e agosto 18-23; settembre e ottobre 17-20. Chiuso lunedì. Il costo del biglietto d’ingresso è di 2,00 euro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 404 volte, 1 oggi)