SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Domenica 3 luglio, in tarda notte, due ragazzi ed una ragazza sono stati sorpresi mente erano intenti a danneggiare gli irrigatori automatici delle aiuole nella piazzola del ‘Giardino delle rose’ del nuovo lungomare di Porto d’Ascoli.
Il gestore di un vicino stabilimento balneare ha intimato ai ragazzi di fermarsi e, non ottenendo alcun risultato, ha chiesto aiuto a due militari della Guardia di Finanza che si trovavano in borghese nel vicino pub Clipper. All’arrivo dei militari, due dei tre vandali si sono dati alla fuga nelle traverse del lungomare, mentre la ventenne grottammarese S.M. è stata fermata e denunciata per danneggiamenti. In seguito al gesto teppistico sono state danneggiate tre fontanelle del ‘Giardino delle rose’, i cui danni sono evidenti nelle ore notturne, quando si attiva il sistema di irrigazione.
Purtroppo questo non è il primo atto vandalico a danno del lungomare sambenedettese, vanto della Riviera ed importante richiamo turistico il cui valore andrebbe valorizzato anziché denigrato.
Recentemente sono stati riscontrati ‘lanci’ di rifiuti nelle aiuole del nuovo lungomare, episodi che, a una decina di giorni dall’inaugurazione del tratto di Via Rinascimento, ci invitano a riflettere sulla necessità di una seria e mirata attività di promozione di valori civici nel rispetto delle più elementari regole dell’educazione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 345 volte, 1 oggi)