Grottammare ripete l’esperienza del concerto in riva al mare che lo scorso anno calamitò sulla sabbia dell’?Ultima spiaggia a nord? migliaia di giovani provenienti da varie regioni del centro Italia.
Questa volta, a vivere insieme ai ragazzi le suggestioni notturne del medio Adriatico sarà la band salentina Sud Sound System, per la quale Grottammare rappresenta l’unica data marchigiana del tour 2005, partito in maggio con l’uscita dell’ultimo lavoro discografico “Acqua pe sta terra?. Il concerto si terrà venerdì 1 luglio, con inizio alle ore 22 circa. Lo spettacolo è gratuito.
Ma reggae giamaicano e dialetto salentino inaugurano allo stesso tempo il programma del “Summer Festival 2005?, il calendario di impegni verso la musica che più piace ai giovani, frutto di una collaborazione in rete tra i comuni di Offida, Ripatransone, Grottammare (dal 2004) e Monteprandone (2005). Esperienza che da ben sette anni lascia il segno sull’estate picena e ancora quest’anno siglerà successi associandosi a nomi come Freddie Mc Gregor, Frankie Hi-Nrg, Modena City Ramblers, Negramaro, Bandabardò…
In linea con la tradizione del reggae dance hall giamaicano, il Sud Sound System rivendica al tempo stesso la propria appartenenza culturale scegliendo di esprimersi nella propria lingua, il salentino. Fu proprio per questo motivo che il loro ingresso nel panorama musicale italiano fu salutato da un notevole impatto. Il Sud Sound System – composto da un gruppo di amici dai soprannomi significativi: Treble, Don Rico, Terron Fabio, GGD, Papa Gianni, Nandu Popu – ha colpito e affondato al primo tentativo, pubblicando dopo una serie di singoli un incredibile primo album, “Comu na petra? (1996). Fu l’inizio di una lunga storia fatta di musica, di condivisione, di passione e, soprattutto, di amore per la propria tradizione…
Le origini del Sud Sound System risalgono al movimento italiano delle “posse?, considerato oggi – a 15 anni di distanza dal suo nascere e crescere come realtà musicale sulla scena nazionale – forse l’evento più dirompente e creativo che si sia verificato in Italia negli anni ’90, musicalmente parlando. A quel movimento, “antagonista? al tempo stesso tanto sul versante musicale che su quello più precisamente sociale, il Sud Sound System ha aderito istantaneamente, anzi, si può dire che di quel movimento fu parte fondante e energia propulsiva di prim’ordine. “Fuecu/T’a sciuta bona?, il primo singolo del gruppo, mise subito in luce tutta la carica di una band che maneggia con incredibile padronanza di stile la tradizione dancehall giamaicana e al tempo stesso non abbandona le proprie origini, anzi le valorizza reinterpretandole per il grande pubblico.
ACQUA PE STA TERRA ribadisce per l’ennesima volta tutta la straordinaria carica del gruppo, che ha coinvolto nelle registrazioni alcuni importanti guest internazionali come la reggae-star Luciano (presente in “Now is the time?), Chico (nella title-track), Anthony Johnson (sua l’inconfondibile voce di “Jah Jah is calling?) e General Levy (in “Nun te fa futtere?).
Anticipato dall’uscita di un ottimo singolo come “Ciao amore? – splendida canzone che su un andamento giocoso affronta il tema tutt’altro che leggero della lontananza dal proprio paese d’origine – ACQUA PE STA TERRA vede Treble, Don Rico, Terron Fabio, GGD, Papa Gianni e Nandu Popu fare nuovamente sul serio, consegnando alle stampe un album che se da un lato si propone come una straordinaria sequenza di brani da reggae party, dall’altro non rinuncia a puntare l’indice sui grandi mali che minacciano la nostra quotidianità e, soprattutto, il nostro futuro.
Per raggiungere l’Ultima spiaggia a nord, sede del concerto:
-a piedi o in bicicletta: pista ciclopedonale Grottammare-Cupra a 1,5 km dall’imbocco sud;
-in auto: SS16 a 1,5 km a nord dall’abitato del centro di Grottammare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 964 volte, 1 oggi)