SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Michele Canini e Mariano Bogliacino. Come dire: pilastri della Samb edizione 2004-’05, quanto di meglio si possa pescare tra la ‘nidiata’ di ragazzini terribili rossoblù. Il Napoli di Aurelio de Laurentiis, rimasto di certo favorevolmente impressionato dai due giovani calciatori in occasione delle sfide tra marchigiani e partenopei, in campionato come nel corso dell’appendice play off, sta in effetti facendo più di un pensierino ai due talentuosi giocatori. Così giurano dalla Campania.
Canini, di ritorno all’ ‘ovile’ Atalanta, società di appartenenza (in riviera era giunto in prestito) e fresco reduce dagli sfortunati Mondiali olandesi con l’Italia Under 20, ad una radio napoletana ha detto di sentirsi pronto a vestire la maglia azzurra solo nel caso in cui per il club partenopeo si concretizzasse l’ipotesi del ripescaggio in B.
Lo abbiamo interpellato ed il difensore nerazzurro ci ha confermato l’interessamento del Napoli: “Ho saputo – ha detto Canini – ma non so niente di più preciso, il mio procuratore (Renzo Contratto, ex difensore di Alessandria, Pisa, Fiorentina, Atalanta e Udinese, ndr) non mi ha avvertito di nulla, né tanto meno ho parlato col dg napoletano Pierpaolo Marino. Staremo a vedere se più in là ci sarà qualcosa di concreto. Per quanto mi riguarda – conclude l’ex Samb – vorrei provare l’esperienza nella serie cadetta, dunque, alla luce anche del fatto che l’Atalanta è il club dove sono cresciuto, prenderei in considerazione l’eventualità Napoli solo se venisse ripescato?.
Avendo il sodalizio rivierasco indetto il silenzio stampa, esteso a dirigenti e staff tecnico, non abbiamo potuto contattare il centrocampista Bogliacino – curiosità: tra campionato e play off ha gonfiato la rete azzurra in due splendide circostanze – ma è risaputo che sulle sue piste ci sono svariate squadre cadette (molto forte l’interessamento del Rimini, per esempio); lo stesso avvocato Vincenzo D’Ippolito nel recente passato ci ha confermato a più riprese che l’uruguaiano “ha mercato”.
Il nome di Bogliacino è stato inoltre accostato, a più riprese, al Cagliari, nell’ambito dell’operazione che avrebbe dovuto portare mister Ballardini sulla panchina sarda. Certo è che il fantasista sudamericano difficilmente la prossima stagione rimarrà in riva all’Adriatico; l’ipotesi Napoli anche per lui potrebbe avere maggiori possibilità di realizzarsi, nel caso in cui la compagine di mister Reja venisse ripescata al piano ‘superiore’.
Bogliacino lo scorso novembre, dopo la bellissima rete che aveva illuso l’undici rossoblu al ‘San Paolo’, dichiarò che aver segnato in quello stadio, nella porta dove in passato aveva fatto altrettanto un certo Diego Armando Maradona, aveva costituito un’emozione indicibile. Chissà che un giorno quella sensazione non possa ripetersi; del resto, le vie del mercato sono infinite…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.022 volte, 1 oggi)