FERMO – La Fermana Calcio non verrà iscritta alla C1. Almeno non dal presidente Battaglioni.
Un fulmine a ciel sereno, dopo aver centrato l’agognata salvezza, ma c’’è un preciso passaparola, in città, a seguito di un incontro tra i rappresentanti del sodalizio sportivo e la tifoseria. Un incontro che non lascia spazio agli equivoci, ai soliti ‘balletti’…
“Non c’è nulla di strano – dice il team manager Fabrizio Foglietti -. Non si può fare altrimenti, non ci sono soluzioni. Siamo stati invitati ad un incontro e ci siamo andati, per ribadire cose note. Prima o poi doveva accadere. La società passa in mano al sindaco di Fermo. Questa volta, il presidente al 100 per cento non iscriverà la squadra. No, non si accollerà spese per milioni.
“Non è il momento di cercare i colpevoli di questo stato di cose – continua Foglietti – ma sicuramente non è stato fatto il massimo per andare incontro alla Fermana: il bando di concorso per la gestione dello stadio doveva essere pronto a febbraio, ma l’amministrazione comunale non l’ha fatto. La Fermana ha dovuto rinunciare ad un intero pacchetto pubblicitario che avrebbe portato, con la nuova cartellonistica in progetto, 400 mila euro. Adesso l’amministrazione comunale dice che ci sarà il bando (domani in giunta, sembra, ndr). Bene, allora il sindaco racimoli anche i soldi che la Fermana ha perso. Il presidente, sul serio, non ne vuole sapere.
“Non è uno scherzo – prosegue Foglietti -. Siamo impegnati solo sull’inventario. L’iscrizione va fatta entro il 23 e ci sarà anche una proroga, ma il presidente Battaglioni ha chiuso qui. La palla passa al sindaco e alla città. Siamo dinanzi ad un fatto concreto: non è come gli anni scorsi, quando il presidente si lamentava, ma poi finiva con l’accollarsi tutte le spese. Quindi, adesso il sindaco dovrà trovare soluzioni e fondi per la Fermana”.

Fonte: corriereadriaticonline.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 381 volte, 1 oggi)