MONTEPRANDONE – Venerdì 17 giugno alle 21:30 presso la chiesa S. Nicolò di Bari di Monteprandone, Don Francesco Ciabattoni ha presentato il nuovo Museo di Arte Sacra, che sarà aperto al pubblico entro la fine dell’anno.
“L’idea – afferma Don Francesco – nasce dalla volontà di renderci un punto di riferimento culturale per tutto il territorio circostante. Nel giro di qualche anno contiamo di offrire ai turisti una cartina di Monteprandone con un preciso percorso da seguire, suggerendo i luoghi di maggior interesse da visitare. Il Torrione della Morte, Piazza dell’Aquila, la chiesa della Speranza, l’ex chiesa di San Giuseppe e la chiesa di San Giacomo sono solo alcuni esempi del nostro interessante patrimonio architettonico?.
“L’ex chiesa di San Donato – continua il parroco – sarà la sala polivalente del museo. Questo luogo sarà destinato ad incontri, manifestazioni e presentazioni, ma soprattutto servirà ai nostri ragazzi come luogo di ritrovo. Dalla sala polivalente sarà possibile salire verso il museo vero e proprio. Il museo vero e proprio verrà installato nella chiesa di San Giuseppe. Con i finanziamenti futuri penseremo a mettere a punto gli altri edifici. Tutte le opere d’arte in esposizione riguarderanno la storia del nostro territorio. Nel 2007 tutti i progetti dovrebbero essere finiti. Con il percorso finale completato, avremo davvero un bel biglietto da visita da presentare ai turisti.?
Il Sindaco di Monteprandone Bruno Menzietti ha affermato che “non posso che fare un applauso a Don Francesco per questa iniziativa. Se non conoscessimo le nostre radici, non saremmo consapevoli di avere una storia. E’ giusto che i nostri patrimoni storico-artistici vengano esposti a chiunque sia interessato. Confermeremo l’impegno di Don Francesco con la nostra partecipazione ai lavori di restauro. Anche se le risorse del governo vanno assottigliandosi, il bilancio della nostra città è ancora florido. Noi della giunta comunale non mancheremo di dare un sostanziale contributo a questo splendido progetto, valutandone ogni singolo punto in riunione. Inoltre, se tutti sapremo cercare, i finanziamenti da parte di aziende interessate ad investire in questa valida iniziativa non tarderanno ad arrivare. Sono convinto che nel nostro territorio non mancano buon senso e generosità?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 899 volte, 1 oggi)