SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il primo ‘mattone’ della Samb che verrà, sarà idealmente apposto tra oggi pomeriggio e domani mattina. O meglio, una componente (leggi Ballardini) verrà tolta per farne posto ad un’altra (il nuovo allenatore; per conoscerne il nome dovremo comunque aspettare ancora qualche settimana).
Nel pomeriggio odierno il tecnico di Ravenna incontrerà lo staff dirigenziale rossoblù per chiarire definitivamente la propria posizione: dentro o fuori (a dispetto dell’altro anno di contratto che lo lega con il sodalizio marchigiano). Sorprese? Difficile, il suo destino pare ormai segnato. Cambierà aria (Cagliari?) ed è un peccato che le due parti si lascino così male, come le frecciatine, le battute più o meno velate e le dichiarazioni pepate di questi giorni fanno abbondantemente presagire.
Per quel che concerne la guida tecnica della Samb del futuro, ieri l’avvocato D’Ippolito ci ha confessato che il presidente Umberto Mastellarini, deluso dal comportamento di Ballardini, ha già deciso di voler cambiare per la prossima stagione, a prescindere dalla presentazione o meno delle dimissioni da parte del tecnico romagnolo: in riva all’Adriatico giungerà (tra le fine del mese e gli inizi del prossimo) un allenatore “emergente e molto motivato?, come i dirigenti rivieraschi stanno ripetendo da tempo. Chi? Nomi ne circolano tanti, ma dalle stanze di Viale dello Sport fanno sapere di non pensarci più di tanto, almeno per ora, e di voler sistemare le cose per gradi.
A tal proposito la conferenza stampa di Davide Ballardini, prevista per la mattinata di domani, sancirà definitivamente la fine di un bel capitolo della storia rossoblù – e, non ci stancheremo mai di sottolinearlo, peccato che stia giungendo a conclusione con simili ‘veleni’. Per il bene della Samb occorrerà lasciarseli alle spalle, impegnandosi di contro nella programmazione del prossimo campionato.
In tal senso la metà del mese che seguirà ci dirà cose molte importanti; in poco più di due settimane l’entourage rivierasco è atteso da appuntamenti vitali, sospesi tra l’individuazione degli uomini che saranno protagonisti sul campo, ed il reperimento delle finanze atte all’iscrizione al campionato edizione 2005-’06. Non solo: entro le ore 19.00 del 23 giugno infatti bisognerà documentare l’avvenuto pagamento di emolumenti a tesserati e creditori; entro le 19.00 del 30 giugno 2005 bisognerà invece documentare alla Covisoc l’avvenuto pagamento al 31 marzo 2005 dei debiti con l’Erario, con gli enti previdenziali e con il Fondo Fine Carriera dei propri tesserati. Inoltre, la Lega di C dovrà ricevere, alle ore 19.00 del 30 giugno, la fideiussione bancaria di 207.000 euro con la dichiarazione del legale di ogni società che attesta la regolarità dei pagamenti effettuati alla Lega. Scadenze impellenti dunque, ma che soprattutto presuppongono un gravoso sforzo economico. Alla metà di luglio sapremo se la posizione economica della società di Mastellarini è a posto: la riunione del Consiglio Federale si pronuncerà infatti sull’ammissione ai campionati, ufficializzando i nomi delle escluse (che potranno ricorrere all’arbitrato CONI e al TAR) e le squadre ripescate.
Ancor prima però di tutto ciò, pende sulla testa della dirigenza rivierasca come una spada di Damocle, la decisione che la Commissione Disciplinare prenderà il prossimo 22 giugno in merito al presunto ‘falso in bilancio’ perpetrato nel prospetto RI dell’aprile 2004.
Dall’udienza toscana (che, a meno di clamorosi colpi di scena, comporterà al massimo una sanzione economica) dipenderanno, inutile rimarcarlo, le mosse in sede di calciomercato del club marchigiano.
Nel mese corrente molte squadre sono già al lavoro, visto che il mercato è entrato nel vivo. Alcune tappe: sino al 20 giugno c’è tempo per effettuare i rinnovi, fino al 27 invece si potrà discutere delle comproprietà, onde evitare l’ipotesi ‘buste’ (che saranno eventualmente aperte il 30 giugno); dal primo luglio al 31 agosto infine, si potranno effettuare i movimenti di mercato veri e propri, ad esclusione dei calciatori senza contratto, i quali saranno tesserabili sino al 31 marzo 2006.
La solita estate frenetica e indaffarata insomma, ma prima, come detto, in riviera si resta in attesa del congedo di Ballardini e della decisione della Commissione Disciplinare. Solo dopo prenderà forma la nuova Samb.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 667 volte, 1 oggi)