NAPOLI – Il primo round si è consumato a Roma, in una giornata per certi versi atipica: uggiosa fino alle dieci, calda fino a sera. Quasi a voler presagire quel che accadrà la prossima estate. Lunedì, fuor di metafora, in Via Allegri è andato in scena in primo Consiglio Federale della stagione estiva. Si è parlato della situazione generale del calcio italiano e dei criteri di ripescaggio che verranno attuati per la formazione degli organici della stagione sportiva 2005-2006.
Il grido d’allarme è venuto dalla serie C: al momento il 50% delle squadre non sarebbero in regola per l’iscrizione. Meno di due settimane per sistemare tutte le carte, visto che nella prima decade di luglio ci saranno i primi verdetti della Co.Vi.So.C.. Poco tempo per presentare appello, il 15 luglio saranno ufficializzati gli organici dei prossimi campionati. Se la C piange, A e B non ridono troppo: le regole sono rigide, e se verranno rispettate in misura integrale, qualcuno salterà.
E per i ripescaggi, come la mettiamo? Si parte da un presupposto importante: chi ha usufruito di un ripescaggio negli ultimi cinque anni, non potrà godere di questo beneficio per l’estate che viene. Dunque, qualora si liberasse un posto in A o in B, né Pescara, né Catanzaro (retrocesse in C), né eventualmente il Pavia (finalista dei play-off di C1-A) potrebbero usufruire di tal provvedimento. Resterebbero il Venezia e una fra Triestina e Vicenza, ovvero le altre retrocesse in C. Il regolamento vuole che siano privilegiate le retrocesse dalla B prima che le perdenti delle finali play-off della C (e cioè una fra Napoli e Avellino). C’è però da ribadire che le retrocesse dalla B alla C dovranno essere in regola in tutto e per tutto. Venezia e Triestina hanno da poco cambiato padrone, ed i conti dei due club non sono entusiasmanti. Addirittura, i veneti devono anche scongiurare azioni del tribunale, che si è interessato delle ultime gestioni. Il Vicenza naviga in acque più tranquille. Tutto ciò lascia pensare che ci sarebbe bisogno al massimo di tre defezioni di squadre di A o B perché la perdente di Avellino-Napoli possa volare lo stesso in serie B. Un’ipotesi che, se davvero verranno rispettate le regole, appare tutt’altro che impossibile. In ogni caso, il regolamento integrale dei ripescaggi (e le modifiche approvate) verrà reso noto a breve.
Il prossimo Consiglio Federale si terrà mercoledì 29 giugno alle 12,30. Per quella data, tutte le squadre dovranno aver provveduto a regolarizzare la propria posizione in tutto e per tutto. Sarà quella una prima data importante di un’estate che si annuncia infuocata.

tratto da pianetanapoli.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 498 volte, 1 oggi)