ROMA – ”Se sarà un’estate calda per le iscrizioni ai campionati? Anche di più…”. Franco Carraro non ha mitigato il suo pessimismo sullo stato di salute economico del calcio italiano e riprendendo una sua previsione di alcuni mesi fa, in vista delle iscrizioni ai campionati ribadisce la sua preoccupazione. ”Quest’anno per la prima volta abbiamo varato norme severe – ha detto il presidente federale al termine del consiglio – e’ stato inserito l’obbligo gravoso di non avere alcuna pendenza con l’erario al 31 marzo. Allo stesso tempo la situazione economica del Paese e’ tutt’altro che florida. Nelle valutazioni si oscilla tra crisi e recessione. Infine – ha aggiunto Carraro – non tutte le società si sono rese conto che bisogna ridimensionare le spese”. Carraro ha anche tracciato un breve bilancio sulla Nazionale guidata da Lippi. ”Non ho condiviso alcune critiche. Ne’ sulla prestazione in Norvegia, che io ritengo soddisfacente. Ne’ sulle amichevoli. Incassare soldi ci fa piacere, ma non le giochiamo solo per motivi economici. In un calcio in cui non esistono più i blocchi dai club, l’allenatore della Nazionale ha necessità di valutare molti giocatori, e i giocatori di fare esperienza internazionale”.

Fonte: ansa.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 372 volte, 1 oggi)