SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Meglio tardi che mai, recita un antico motto popolare. Via Ugo Bassi è stata riaperta ieri al traffico, dopo ben 17 giorni di chiusura per la realizzazione della nuova pavimentazione. La striscia d’asfalto della centralissima via di S.Benedetto che s’interseca con viale Secondo Moretti è stata ‘abbellita’ con una pavimentazione in cubetti di porfido, la stessa che caratterizza il nuovo arredo del viale. Tutto è bene quel che finisce bene, si dice. Tuttavia, restano forti dubbi sulla tempistica dell’intervento.
La scelta di avviare i lavori con la bella stagione alle porte si è rivelata un’autentica sciagura per la viabilità cittadina: chiuso ogni varco per attraversare il centro in direzione sud, per oltre due settimane centinaia di macchine sono state costrette ad immettersi nell’imbuto del lungomare, che nel fine settimana si è trasformato in un ingorgo infernale.
Per farla breve: davvero i lavori non si potevano rimandare? Più che pretendere una risposta dai diretti interessati auspichiamo che il prossimo lifting alle strade cittadine sia programmato con un pizzico di buon senso in più.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 652 volte, 1 oggi)