SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Lunedì 6 giugno alle ore 21, presso la sede di Forza Italia di San Benedetto, si è riunito il Coordinamento provinciale di Forza Italia presenti on. Scaltritti, on. Zama, consiglieri regionali Ceroni e Santori, il sindaco Celani, il capogruppo in Provincia Belleggia e gli altri componenti del direttivo quali Cesari Mariano, Luigi De Sgrilli, Luigi Ciceroni, Alessandro Bargoni, Enzo Scipioni e Donatella Ferretti.
Su proposta del coordinatore Scaltritti e del commissario Zama si è deciso all’unanimità di aprire una periodo di transizione, che porterà, con date da stabilire, ai congressi provinciali del Piceno e del Fermano, in cui i componenti dell’attuale struttura provinciale si separano per dare vita a due strutture autonome relative alle future nuove Province.
A tale scopo gli eletti residenti nel Fermano (Bargoni, Donzelli, Talamonti, Ciarrocchi e Giacobbi) facenti parte sia del Coordinamento che del Comitato del partito, presenteranno le loro dimissioni per poter poi confluire rispettivamente nei nuovi organismi gestiti dal Commissario Zama.
Con questa scelta Forza Italia fa un passo avanti nella riorganizzazione del partito di fronte ai mutamenti istituzionali che sono in itinere, inoltre è una buona occasione per rivitalizzare l’attività di Forza Italia e coinvolgere e valorizzare altri militanti e iscritti.
La seconda parte della riunione si è svolta con la sola presenza dei rappresentanti dell’area Ascolana/Sambenedettese e su proposta dell’on. Scaltritti si è deciso di aprire un dibattito, che promosso dai coordinamenti di Ascoli e San Benedetto, coinvolga i rispettivi collegi per individuare due vice coordinatori (uno per area) a cui affidare piena delega per la gestione del partito a livello provinciale, riservando all’on. Scaltritti il ruolo di garante.
“Sono contento che sia stata accettata la mia proposta di approfittare di questo momento di riorganizzazione transitoria del partito per consentirmi di ridurre le mie responsabilità dirette nella gestione dello stesso e recuperare il mio ruolo di parlamentare” dichiara Scaltritti.
“Sono sicuro che sia ad Ascoli che a San Benedetto sapranno indicare dei vicecoordinatori in grado di armonizzare il partito a livello territoriale e prepararlo al congresso e alle prossime scadenze elettorali. Prima dell’estate sarà convocato il Comitato provinciale, che è l’organo più ampio, per sancire i cambiamenti in atto.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 411 volte, 1 oggi)