CUPRA MARITTIMA – Il nuovo servizio di salvataggio in mare, partito mercoledì 1 Giugno assicurerà, da quest’anno, una copertura quasi totale al litorale cuprense. L’anticipazione del servizio di 15 giorni ha trovato la cittadina già organizzata: “Da quest’anno – come ha spiegato l’assessore al commercio Carmine Chiodi, – abbiamo voluto dare una svolta a un sistema organizzativo che non rispondeva più in maniera perentoria a ciò che ritenevamo opportuno. I ragazzi che si occuperanno del salvataggio sono ben coordinati e molto motivati. I fruitori delle spiagge, che sono poi i nostri maggiori giudici, ce ne daranno ragione?. L’assessore Chiodi ha ricordato ai bagnini, in massima parte facenti capo alla cooperativa ‘Turismo service’, la vicinanza dell’Amministrazione Comunale e l’importanza di svolgere un servizio efficiente ma anche discreto.
Da quest’anno, infatti, alle postazioni dello scorso anno ne sono state aggiunte altre di fronte alle concessioni: Frutteto, Oasi, Anita e Dea Cupra, per un totale di 14. E’ prevista anche un’altra novità per questa estate: i bagnini avranno la responsabilità di 140 metri ciascuno e non della sola concessione, come accadeva negli scorsi anni.
“Si terranno tre manifestazioni di salvataggio – ha spiegato il presidente della Coopertaiva ‘Turismo service’ Luca Buttafoco – una a Giugno, una a Luglio, una ad Agosto, per l’occasione saranno distribuiti, sulla fascia costiera, degli opuscoli con le regole d’oro per una corretta balneazione. Ci sarà anche un coordinatore di zona, identificato nella persona di Carlo Faraone, mentre i contatti tra i vari bagnini ma soprattutto tra le postazioni a nord e quelle a sud è garantito da un ponte radio?.
Come ha sottolineato Vincenzo Stefania, Comandante dell’Ufficio Locale Marittimo di Cupra Marittima: “Con la partenza il 1° giugno siamo nel rispetto dell’ordinanza; da quest’anno, inoltre, è migliorato il servizio proposto e sono aumentati i tratti di litorale che saranno coperti?. Il comandante, inoltre, ha ricordato ai giovani bagnini: “Il miglior modo per salvare una persona è la prevenzione; se si individuano in mare comportamenti scorretti o pericolosi, è importante parlare con l’utenza e ricordare cosa dice l’ordinanza’’.
Alla conferenza di inaugurazione hanno partecipato, oltre ai bagnini, i titolari delle concessioni balneari cuprensi e il presidente dell’Acot Giuseppe Mascaretti. L’assessore Carmine Chiodi ha invitato alla coordinazione e alla collaborazioni per una maggiore efficienza del servizio.
Questi i nomi dei bagnini del litorale cuprense: Carlo Faraone, Alessandro Capriotti, Antonio Costantini, Tania Gaspari, Martina Capriotti, Riccardo Menetto, Massimo Mercanti, Marco Silipo, Enrico Erba, Lazar Radojevic, Giovanna Mandolesi Ferrini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.833 volte, 1 oggi)