SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Venerdì 27 maggio, alle 21,30 presso il Cinema Calabresi, avrà inizio il ciclo di proiezioni di “Immagini Inattese- Doc Cinema?.
Il ciclo si aprirà con l’attesissimo film-documentario del regista americano Oliver Stone “Il Comandante? . Il film sintetizza efficacemente i tre giorni trascorsi dal regista all’Havana, nei grandi palazzi del governo, in giro per le strade e non vuole essere un ritratto della ‘Isla grande’ ma del suo Lider Maximo.
Sono soltanto 99 minuti, ma il documentario di Stone nasce da un incontro durato tre giorni e da una serie di conversazioni tra il regista e Fidel Castro che superano le tre ore. Insieme hanno camminato per le strade dell’Avana, intrattenendosi con la gente, parlando con gli studenti universitari, fermandosi a discutere del futuro di Cuba. Non soltanto politica, in questo incontro, ma anche arte, rapporto con la famiglia e con i figli, i grandi amori e i grandi dolori. Il titolo originale del film doveva essere “In cerca di Fidel” ma poi Stone ha preferito “Comandante” che è non solo il soprannome di Castro, ma anche il suo rango durante la rivoluzione, proprio come Che Guevara.
Castro ricorda Kennedy e Kruscev, Nixon e Gorbaciov, Regan e Bush II, parla del conflitto politico ed evade le domande più scottanti in merito al razzismo e alle torture.
Al di là di ogni considerazione politica ciò che emerge dalla pellicola è un uomo anziano, in tuta verde e con la battuta pronta che dice di amare Sophia Loren e Brigitte Bardot, che si è divertito a guardare Titanic in videocassetta e confessa che sono dieci anni che non va al cinema, nè in vacanza.
Il regista conobbe Castro nel 1986 e non ebbe più occasione di incontrarlo fino a quando gli venne l’idea di girare questo documentario (2003) che mostrasse il suo volto più autentico e non fosse la solita intervista al dittatore delle tante rilasciate ai giornalisti americani. Quello che Stone ha voluto fare è un ritratto umano, se non addirittura intimo, del Leader maximo.
Il film ha suscitato non poche polemiche, il regista è stato accusato di buonismo e faziosità ma si è difeso dicendo che per lui, come regista, l’importante è ” fare in modo che la persona si sveli per quello che è”. Stone ha aggiunto che con questo film spera di “far aprire un occhio senza pregiudizi alla gente e di far riconoscere Cuba come un paese speciale, che non è nostro nemico”.
La realizzazione della rassegna è a cura della Fondazione Libero Bizzarri e del Cineforum “Buster Keaton?, con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura della Provincia di Ascoli Piceno, che con grande prontezza ed attenzione sono riusciti fra i primi ad assicurarsi la distribuzione del film nella nostra provincia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 402 volte, 1 oggi)