SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La World Sporting Academy chiede un po’ di clemenza. Per mezzo del suo presidente, Jean Carlo Mattoni, si è puntualizzato, nel corso di una conferenza stampa tenuta nel pomeriggio di oggi, la situazione in cui versa il settore della ginnastica sambenedettese.
“Anche se ci alleniamo in condizioni pessime – afferma Mattoni – i nostri risultati sono stati eccellenti. Ringrazio chi ha creduto in noi e ci ha sostenuto. La ginnastica artistica significa sacrificio ed impegno, e i nostri atleti non si risparmiano certo in questo.”
Mattoni ha fatto riferimento anche alla situazione economica: “Se non ho le entrate necessarie come faccio a pagare 1.000 euro di affitto mensile e dare lo stipendio a cinque insegnanti, pagare i costi delle trasferte, le attrezzature e tutto il resto? Noi della World Sporting Academy non chiediamo molto al Comune di San Benedetto, solo di non farci pagare l’affitto per il luogo dove ci alleniamo, cioè la piccola palestra della scuola Bice Piacentini, che tra l’altro è solo un attico troppo piccolo e inadatto alle varie discipline che pratichiamo a livello agonistico. Noi partecipiamo a moltissime gare con ottimi risultati. Se il Comune vuole che nella nostra città la ginnastica artistica finisca, venga pure a metterci i sigilli.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.646 volte, 1 oggi)