RIPATRANSONE – Sabato 21 maggio è stata inaugurata la nuova sede della biblioteca di Ripatransone, presentata al mattino ai ragazzi delle scuole e nel pomeriggio alla cittadinanza.
La biblioteca a Ripatransone è stata istituita nel 1898, anche se le sue origini sono da fare risalire all’inizio del XIX, e si è sviluppata negli anni fino a diventare la quinta biblioteca del Piceno con circa 30000 volumi (dopo Fermo, Ascoli, San Benedetto e Porto San Giorgio).
Nella nuova sede, nell’ex mercato coperto, è stato anche aperto il Centro di Educazione Ambientale, in collaborazione con Legambiente e l’Università di Camerino, che intende educare i ragazzi sul rispetto e sulla conoscenza delle peculiarità ambientali del territorio della prima fascia collinare.
Il progetto – come ha spiegato il Sindaco D’Erasmoera già in cantiere da qualche anno, ed è stato realizzato con un finanziamento del 75 % dato dalla Regione Marche. Cultura e ambiente: questo è il binomio in questa struttura. Presto sarà riaperta la pinacoteca e verrà ampliato il museo civico. La sfida per i prossimi anni sarà fare sistema nella valorizzazione del polo culturale nella nostra città. Vorrei ringraziare il Prof. Giannetti, che da anni lavora per la biblioteca, gli Assessori Bruni e Marinelli, le progettiste architetti Maffeis e de Nonnis e l’Università di Camerino?.
Questa struttura – aggiunge l’Ass. Provinciale Ubaldo Maroni, ex sindaco di Ripatransone – non è solo patrimonio della città ma dell’intera provincia, anche per il progetto di metterla in rete con le altre biblioteche della provincia e scolastiche. Il Centro di Educazione Ambientale sarà una marcia in più sullo sviluppo di questa città, che dovrà puntare sul turismo e l’ambiente come ricchezza economica. A questo proposito ricordo che Ripatransone anche quest’anno ha ottenuto la bandiera arancione del Touring Club?.
Le conclusioni sono state affidate all’Ass. Remo Bruni: “Siamo orgogliosi perché questa è la prima struttura di ambito culturale portata a termine da questa giunta. Vogliamo mantenere l’impegno con Legambiente e Unicam per il Centro di Educazione Ambientale. La biblioteca sorge in un punto strategico, è una zona importante per la nostra città, qui passa la strada che porta alle fonti e all’aula verde, da qui partono i sentieri paesaggistici. È nostra intenzione creare qui un centro di culturale dove si riescano a trattare temi culturali e no. Certamente Ripa rafforza la sua immagine di città di cultura?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.218 volte, 1 oggi)