GROTTAMMARE – C’è soddisfazione a Grottammare per i riconoscimenti ottenuti nelle ultime settimane in ambito turistico: dopo le 4 vele della Guida Blu 2000, l’assegnazione della settima bandiera blu per la qualità delle acque rilasciata dalla Fee, il settimanale nazionale “Gente? ha confermato la sua predilizione per la “Perla dell’Adriatico? attraverso il suo oramai abituale “Vacanzometro?.
Per la verità Grottammare quest’anno ha ceduto la prima posizione ad Amantea, cittadina calabrese che si affaccia sul Tirreno, nella categoria “Convenienza?, mentre è trentesima nella classifica generale delle migliori 269 località balneari della penisola. Affianca, dunque, Castiglion della Pescaia (Gr), Orosei (Nu), rispettivamente prima e seconda per l’Ambiente, Cervia e Bordighera, per la categoria “Accoglienza“.
La scorsa fine settimana, pertanto, il sindaco Luigi Merli ha partecipato alla cerimonia ufficiale tenutasi a Tropea (Vv), prima assoluta della classifica, in Calabria, alla presenza di tutti gli altri sindaci delle cittadine premiate.
“La settima bandiera blu consecutiva, le quattro vele di Legambiente e la conferma registrata nel Vacanzometro di Gente sono indubbiamente un riconoscimento straordinario ottenuti dalla nostra città e questo significa sicuramente grande soddisfazione per tutti – ha spiegato il primo cittadino – Allo stesso tempo, significa grande responsabilità, da parte dell’amministrazione comunale, degli operatori turistici e nello spirito accogliente dei nostri cittadini?
“Quindi – prosegue il sindaco – in qualità di primo cittadino faccio un appello a tutte le forze attive della città, affinché questi riconoscimenti siano giustamente interpretati come un punto di partenza e non un punto di arrivo?.
“Stiamo di fatto operando per aumentare l’appetibilità della nostra cittadina con progetti concreti e tangibili?, aggiunge il sindaco Merli, “abbiamo avviato il procedimento della certificazione ambientale dell’amministrazione comunale, attraverso il quale garantiremo le condizioni per migliorare la qualità della vita dei nostri cittadini e, di conseguenza dei nostri ospiti?.
Proprio nei giorni scorsi, infatti, si è svolto il primo incontro con il team dei verificatori che ha il compito di accertare i requisiti necessari per l’ottenimento della certificazione ambientale secondo i parametri dettati dalla norma internazionale EN UNI ISO 14001:2004, ovvero certificazione sulla base della variabile ambientale, principale causa della fragilità di un territorio. Si tratta di un passo molto importante nell’ottica di uno sviluppo sostenibile del territorio e naturalmente della sostenibilità del turismo locale: la speranza è che questa iniziativa si espanda nell’intera “Riviera delle Palme? per caratterizzare il territorio dal punto di vista ambientale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 785 volte, 1 oggi)