*Ringrazio Forza Italia per la solidarietà espressa nei miei riguardi e per la responsabilità con cui si sta comportando in questo momento particolarmente difficile per la politica locale. Mi associo ad un richiamo, che deve valere per tutti noi del Centrodestra, ad una maggiore responsabilità nel gestire sia i problemi politici e amministrativi, che i rapporti di partito e tra partiti.
La buona politica, il buongoverno e la solidarietà nell’ambito della coalizione non vanno mai sacrificati sull’altare di una visibilità momentanea o per dare sfogo a risentimenti o ad ambizioni ed egoismi. Il mandato che ci viene affidato dagli elettori merita un rispetto più profondo, perché non si esaurisce nel solo fare piazze o viali, ma contempla anche la capacità di ascolto e la dignità nel rappresentarli.
Per quanto riguarda Marinangeli, che continua ad insultarmi sui giornali senza una ragione, devo dire che non ho alcuna ambizione di leadership, se è questo che lo preoccupa, ma che cerco di compiere il dovere che il mio ruolo politico comporta, con perseveranza e responsabilità, come sempre ho fatto nel mio lavoro di imprenditore in passato e in quello di politico negli ultimi dieci anni.
A differenza di qualcuno ho evitato di considerare la politica un passatempo remunerato con cui trastullarsi tra una partita di carte e una di caccia e i risultati del mio impegno sono documentati negli atti parlamentari, così come nei dati elettorali per chi li vuole analizzare con serietà e obiettività.
La mia onestà e correttezza è nella coscienza di tutti coloro che hanno avuto modo di frequentarmi e nella storia della mia vita e in quella della mia famiglia. Caro Marinangeli, i tuoi giudizi privi di fondamento faresti bene a tacerli, perché possono tornare buoni per te e per quello che dimostri di essere come uomo e come politico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 553 volte, 1 oggi)