TARANTO – Fulmine a ciel sereno in casa Taranto (C2/C). Il sodalizio ionico, che si sta preparando per le semifinali play out contro il Ragusa, nella giornata di ieri ha conosciuto il risultato delle analisi effettuate lo scorso 17 aprile, al centrocampista Sirio Silvestri e all’attaccanteMichele Sergi, dopo la gara Taranto-Igea Virtus: i due sono risultati positivi alla furosemide, una sostanza diuretica proibita.
Il club rossoblù ci è rimasto molto male, visto che il farmaco in questione è stato assunto da Sergi e Silvestri poiché i due, sorteggiati per le prove antidoping, non riuscivano ad urinare, come spiega il dottore della società tarantina, William Uzzi: “Con un verbale scritto e agli atti, sono stato proprio io a comunicare l’utilizzo del furosemide all’ufficio di Lega. Abbiamo la coscienza pulita perché si è agito alla luce del sole, senza voler nascondere nulla?.
I due giocatori sono stati in ogni caso sospesi in via cautelare, ma il Taranto ha rinunciato alle controanalisi, in modo tale da accelerare i tempi affinche’ la Procura antidoping del Coni ascolti i due atleti e il medico sociale Uzzi.
Intanto, nonostante tutti i tesserati del sodalizio pugliese siano in silenzio stampa, ‘Michelone’ Sergi, indimenticato ex Samb, a quanti gli chiedevano una sua opinione, si è lasciato sfuggire una battuta: “Abbiate pazienza, ma sono troppo arrabbiato per sostenere una conversazione civile. Mi auguro soltanto che si faccia luce su questa vicenda…”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 992 volte, 1 oggi)