SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Area verde di via Mentana, Settimio Capriotti lancia nuovamente l’allarme. Non è la prima volta che il capogruppo consiliare di Rifondazione Comunista richiama l’attenzione dell’Amministrazione sullo stato d’incuria e abbandono del parco. L’esponente dell’opposizione torna a sollevare il problema in un’interrogazione che sarà discussa nel prossimo consiglio comunale.
“Un anno fa – scrive Capriotti – a ridosso delle elezioni provinciali, veniva inaugurato il parco di via Mentana. Un partito di centrodestra ci tenne addirittura un comizio con tanto di onorevole e porchetta (una cosa apprezzabile)”.
“Chiedo al sindaco se ha presente la situazione attuale del parco: delle otto essenze arboree preesistenti tre sono state tagliate perché secche e purtroppo altre due seguiranno la stessa sorte; il prato a zolle è in più parti secco e, dove è ancora verde, non viene mai rasato ed è ricettacolo di rifiuti vari; i marciapiedi con le betonelle colorate sono irriconoscibili per l’incuria e l’immondizia che vi si accumula. Cosa intende fare il sindaco per porre rimedio a tutto ciò?”
Capriotti ‘chiede conto’, infine, al primo cittadino della sorte che attende i cassonetti interrati: “Ci dica pure se quelli posti alla fine del parco sono funzionali e, se sì, perché non si provvede a posizionare gli altri previsti nel centro della citta”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 503 volte, 1 oggi)