ACQUAVIVA PICENA – La quinta classe dell’Istituto d’Arte di Ascoli Piceno, accompagnata dal Professor Elio Fontana, acquavivano, si è recata presso la Fortezza Medioevale di Acquaviva Picena per una visita allo scavo archeologico, eseguito a seguito della convenzione stilata tra il Comune di Acquaviva Picena, l’Università degli Studi di Bologna Dipartimento di Archeologia e la Soprintendenza Archeologica per le Marche.
Ai ragazzi, affascinati e molto interessati, è stata spiegata l’attività della campagna 2005 che ha previsto l’analisi delle stratigrafie murarie, con l’ausilio di strumenti e tecnologie innovative e sperimentali, e la realizzazione consequenziale di un primo saggio stratigrafico.
Analisi delle mappe antiche e realizzazione di prospezioni geofisiche con radar scanner, che hanno consigliato di aprire il saggio nel settore occidentale del piazzale interno dove sorgeva la Chiesa di S. Barbara. Gli alunni hanno altresì avuto modo di ammirare i materiali rinvenuti, tra i quali un frammento di pietra ollare, di origini alpine, utilizzata per la realizzazione di manufatti per contenere cibo.
Dopo le spiegazioni fornite dal Dott. Giorgi del Dipartimento di Archeologia, la classe ha effettuato una visita guidata della Fortezza Medioevale con l’archeologa acquavivana Letizia Neroni, che ha mostrato loro anche i nuovi pannelli didattici inaugurati lo scorso 29 aprile dopo la presentazione dei dati della campagna di studio 2004 tenutasi presso la Chiesa San Rocco.
Al termine della mattinata, l’Assessore Andrea Infriccioli ha ringraziato il Professore e gli alunni per la gradita visita.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.122 volte, 1 oggi)