SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Arredo arboreo, l’opposizione alza il tiro delle polemiche. Il capogruppo di Rifondazione Comunista, Settimio Capriotti, solleva dubbi sulla bontà dell’intervento di arredo arboreo di viale Moretti: “Sulle essenze arboree l’Amministrazione comunale si comporta come Attila. La sostituzione degli oleandri con le palme andava discussa prima di essere decisa. Si potevano mettere, come stabilito, i cinque lecci. Gli oleandri sradicati erano belli sani e non malati come vogliono farci credere. Questa è l’ennessima testimonianza dell’approssimazione con cui si muove la maggioranza”.
Nel mirino di Capriotti finisce anche la riqualificazione del lungomare sud: “La ditta che ha effettuato i lavori nell’usare il calcestruzzo non è stata accorta, perché il cemento è arrivato fino al fusto delle palme, con il rischio conseguente di pregiudicare la crescita delle piante. Ho verificato di persona, il pericolo esiste, nonostante le smentite dell’assessore Poli”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 526 volte, 1 oggi)