SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La ricetta della Confesercenti per affrontare le prossime sfide del turismo. I rappresentati locali dell’associazione hanno tracciato questa mattina, nel corso di un incontro con la stampa, un bilancio del seminario che nei mesi scorsi ha coinvolto gli operatori turistici del Piceno. “Si è trattato di un incontro costruttivo – ha spiegato il segretario provinciale e regionale Confesercenti Paolo Perazzoli – nel corso del quale sono emerse nuove proposte per il rilancio ed il potenziamento di un settore vitale per l’economia del nostro territorio”.
“Il turismo dei prossimi anni – ha aggiunto Perazzoli – sarà sempre più veloce, come evidenziano anche i dati diffusi di recente dall Regione. C’è, infatti, una tendenza a ridurre ulteriormente la durata delle vacanze. Per questo è necessario percorrere nuove strade proponendo un’offerta turistica diversa, che punti decisamente al miglioramento della qualità. Ciò significa che gli operatori devono adeguarsi alle richieste della clientela, predisponendo strutture ricettive più moderne e funzionali. In tal senso, chiediamo alle Amministrazioni locali di darci la possibilità di ampliarle.
“E’ fondamentale – ha proseguito Perazzoli – sviluppare una cultura dell’accoglienza che sappia far innamorare il turista che sceglie il nostro territorio come meta di villeggiatura.”
Sole e mare, secondo il segretario Confesercenti, non possono essere le uniche risorse del nostro territorio: “Il turismo marino è la parte più rilevante dell’offerta marchigiana e per questo va mantenuta ma contestualmente devono essere potenziati i pacchetti turistici che comprendono le risorse dell’entroterra”.
Un dettagliato resoconto del seminario sul turismo è stato pubblicato sull’ultimo numero della rivista curata dalla Confesercenti ‘Impresa aperta’. “Per la copertina del giornale – ha spiegato il direttore editoriale della rivista, Ferdinando Passamonti – abbiamo scelto la volata trionfale di Alessandro Petacchi tra le palme di S.Benedetto, nell’ultima tappa della Tirreno-Adriatico. I velocisti di oggi riescono ad esprimere il proprio acuto vincente grazie alla tecnica del treno, che li porta a velocità altissima fino a 100 metri dal traguardo. Anche il turismo piceno ha i suoi velocisti ma se non impara a fare treno di squadra non riuscirà mai a vincere lo sprint che vale”.
Per il segretario della Fiba-Confersecenti, Giuseppe Ricci, “il rilancio del turismo locale dipende molto dagli amministratori locali, che sembrano provare individia per gli operatori turistici?.
Il presidente della Cooperativa ‘Riviera delle Palme’, Gabriele Giudici, ha annunciato, infine, che saranno presto consegnati agli associati le brochure dei fornitori Confesercenti e della neonata Assoartisti. Alla conferenza stampa odierna è intervenuto anche Erminio Giudici, neo eletto presidente del direttivo comunale Confesercenti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 677 volte, 1 oggi)