*I recenti accadimenti sambenedettesi ed in particolare la condotta del sindaco Martinelli impongono ad Alleanza Nazionale una riflessione specifica che sarà svolta nel corso del direttivo provinciale convocato per venerdì prossimo. La convocazione della massima assise provinciale scaturisce da un’evidente presa d’atto e cioè che l’esautoramento dei partiti teorizzato e praticato da Martinelli non può che produrre ingovernabilità e determinare quell’esplosione degli individualismi che oggi è sotto gli occhi di tutti.
I contatti estemporanei avuti a titolo personale dal sindaco con esponenti della Margherita (ma guarda il caso non con AN) per far valutare dall’opposizione l’operato del presidente del consiglio così come la continua prospettazione di rimpasti sono il riflesso di un atteggiamento che poco o nulla ha a che vedere con quella filosofia di buon governo che nel 2001 ha riscosso il plauso della maggioranza dei sambenedettesi.
In particolare, l’attacco rivolto ad AN a seguito della famosa mozione sulla vendita delle scuole si è dimostrato ingeneroso e sbagliato, trattandosi di libera espressione della volontà consiliare finalizzata alla soluzione di un problema che da tempo la destra aveva, infruttuosamente, cercato di portare all’attenzione della maggioranza secondo linee di intervento che, nel merito, Martinelli ha dichiarato di condividere.
In quest’ottica la colpevolizzazione del presidente del consiglio si è dimostrata del tutto ingiustificata e foriera di ulteriori fenomeni di instabilità che questa coalizione non si può permettere. Un compiuto ed esaustivo esame della vicenda sarà comunque oggetto della riunione del prossimo direttivo provinciale.
*Guido Castelli – Segretario provinciale Alleanza Nazionale

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 525 volte, 1 oggi)