SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ iniziata la lotta contro le zanzare e gli altri insetti molesti. Già da questa settimana la ditta incaricata dal Comune ha iniziato ad effettuare interventi su tutto il territorio comunale attraverso le operazioni di disinfestazione adulticida (effettuata con un automezzo che “atomizza? il prodotto insetticida ai bordi delle strade, sulla vegetazione pubblica, fossi, corsi d’acqua, marciapiedi) e di disinfestazione antilarvale (che consiste invece nell’immettere appositi prodotti in caditoie stradali, tombini fognari e ogni altro luogo che possa servire per la riproduzione degli insetti).
Gli interventi saranno ripetuti con cadenza settimanale in tutto il territorio cittadino. Il disagio è avvertito maggiormente poiché, dai riscontri effettuati dall’Università di Camerino, cui fu affidato uno specifico incarico dal Comune lo scorso anno, risulta molto diffusa in città la cosiddetta “zanzara tigre?, la quale punge anche di giorno, ripetutamente e provoca edemi più dolorosi della normale zanzara “culex?.
E’ però indispensabile la collaborazione dei cittadini, senza la quale ogni intervento di disinfestazione risulterà inutile: “Dai riscontri che effettua l’ufficio e dalle segnalazioni della ditta incaricata – spiega l’assessore all’ambiente Ruggero Latini – emerge che i problemi maggiori derivano dal proliferare di erbacce in aree private che, con il caldo e le acque meteoriche ristagnanti, costituiscono il terreno ideale per la riproduzione di insetti e altri animali. Per non parlare dei cantieri edili dove spesso le acque piovane ristagnano in gran quantità?.
“Debbo ricordare pertanto – continua l’assessore – che esiste una dettagliata ordinanza che impone ai proprietari degli spazi privati di mantenere puliti i siti in questione, di provvedere al trattamento periodico di disinfestazione, a controllare che non vi vengano depositati rifiuti e ad attuare ogni altro accorgimento necessario. Nel provvedimento – prosegue Latini – si stabilisce che le operazioni di pulizia e bonifica devono esser fatte ogni anno nel periodo compreso tra il primo aprile e il 31 maggio. La sanzione amministrativa va da 25 a 150 euro. In ogni caso – annuncia Latini – invieremo una lettera a tutti i proprietari di aree potenzialmente interessate dal provvedimento per ricordare i loro doveri?.
Le segnalazioni circa il mancato rispetto dell’ordinanza possono essere effettuate al comando della Polizia Municipale (tel. 0735/892211) oppure all’Ufficio Relazioni con il pubblico (tel. 0735/794405 – 794430).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 608 volte, 1 oggi)