SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Alleanza Nazionale raddoppia. Dopo il chiarimento di ieri e la polemica reprimenda di Forza Italia, oggi è intervenuto il coordinatore comunale del partito, Luca Vignoli, per difendere le scelte adottate dal partito in consiglio comunale.
Intanto, il vicesindaco Piunti oggi ha riferito di un incontro con il sindaco: “Sono rimasto sorpreso dalla reazione emotiva del sindaco alla presentazione dell’ordine del giorno di An. Il nostro documento era noto da ben due mesi, esattamente dall’8 marzo scorso”. Riguardo alla proposta del primo cittadino al consigliere Di Francesco per l’assunzione dell’incarico di presidente del consiglio, Piunti getta acqua sul fuoco: “Martinelli sostiene che vicenda non si è svolta nei termini in cui è stata riportata dai quotidiani locali”. Tutto ciò mentre il diretto interessato, Antimo Di Francesco, conferma l’offerta del sindaco.
Il testo integrale dell’intervento del coordinatore di An Luca Vignoli:
“Non è il momento delle polemiche e, tantomeno, delle ipotesi che sembrano tanto appartenere al mondo della “fantapolitica?. Invitiamo soltanto l’amico Gigi Capriotti ad una lettura più attenta dei fatti che lo porterà, con ogni probabilità, ad analisi e conclusioni più costruttive e positive, nei confronti del partito di Alleanza Nazionale, del suo gruppo consiliare, del presidente del consiglio comunale Giorgio De Vecchis; si eviteranno, così, anche inopportune ingerenze, laddove è sicuramente più utile che ciascuno lavori all’interno del proprio partito.
Si premette che il voto trasversale di lunedì sera è stato, ovviamente, una convergenza occasionale che non potrà, e non dovrà, ripetersi in futuro. Si rimarca, allo stesso tempo, il diritto del consigliere comunale di esprimere la propria opinione su ordini del giorno che riguardano fatti amministrativi, non compresi nel programma elettorale, non muniti da avalli politici precedentemente concordati, e su una questione controversa dove la posizione di AN era conosciuta da mesi.
Bene ha fatto il gruppo consiliare di AN a ribadire la coerenza dell’ordine del giorno presentato lunedì, rispetto ad un impegno già preso, da tutta la maggioranza, in un precedente consiglio comunale. Il partito di Alleanza Nazionale rimane fedele al patto stretto con gli elettori e quindi alla maggioranza che sostiene il sindaco Martinelli e non accetta lezioni di democrazia da alcuno.
Non osiamo credere che il sindaco si sia reso protagonista di un tentativo di “ribaltone? che, se confermato, sarebbe ben più grave dei fatti sui quali Capriotti esprime le sue rimostranze.
Restando in attesa di un auspicabile chiarimento, saremmo lieti di conoscere l’opinione di Forza Italia e UDC su quest’ultimo aspetto, convinti, tuttavia, che queste situazioni siano il frutto di una prassi che ha visto progressivamente esautorato il ruolo dei partiti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 508 volte, 1 oggi)